Club Scherma Jesi, Sofia Romagnoli atleta da 110 e lode | Password Magazine
Festival Pergolesi

Club Scherma Jesi, Sofia Romagnoli atleta da 110 e lode

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Prima che esplodesse l’emergenza Covid-19 già molte associazioni sportive dilettantistiche avevano molte difficoltà a far quadrare i bilanci visto il perdurare della crisi economica. La pandemia ha generato un’onda anomala che si è abbattuta sullo svolgimento della normale attività dell’intera nazione frantumandola  creando così ulteriori difficoltà economiche . L’obbligo di chiusura ha interessato anche le attività sportive alcune delle quali, tra cui il Club Scherma Jesi, si sono affidate al web  per mantenere i contatti con i propri tesserati coinvolgendoli in innovative esperienze di allenamento che hanno contribuito a rendere meno pesante la loro condizione di reclusi  senza chiedere nulla in cambio.

«Anzi il Club Scherma Jesi ha previsto per i propri iscritti un buono sconto pari all’importo del periodo di chiusura forzata da utilizzarsi per l’iscrizione della prossima stagione – fa sapere il presidente Alberto Proietti Mosca – Tutto ciò non solo per un motivo di fidelizzazione ma soprattutto poiché crediamo fortemente sugli effetti benefici  dello sport nella crescita fisica e morale dei giovani». Un riconoscimento fatto proprio dalle scuole che oggi riconoscono agli studenti che praticano lo sport dei crediti formativi unitamente ai genitori che hanno preso consapevolezza che le ore dedicate alle sport  non vanno a discapito dei risultati scolastici.

«Le notizie – prosegue Mosca – che ci pervengono in questi giorni dai risultati scolastici che moltissimi atleti stanno ottenendo rafforzano il nostro convincimento: Sofia Giordano e Gioia Filippini con 10 e lode agli esami di terza media, Maria Allegra Sorini 100 e lode all’esame di maturità. Ma il fiore all’occhiello sono i risultati ottenuti da Sofia Romagnoli che ha terminato il suo percorso universitario nei termini previsti laureandosi con 110 e lode in ingegneria biomedica presso  l’Università Politecnica delle Marche. Un risultato, come lei stessa ha dichiarato, ottenuto grazie alla formazione mentale che è riuscita a farsi con gli  insegnamenti recepiti durante gli anni della pratica della scherma: impegno costante, determinazione e chiarezza sugli obbiettivi che si vogliono raggiungere.  Per noi l’impegno primario in previsione della prossima riapertura sarà quello di finalizzare tutti gli sforzi per evitare che ai giovani sia negata la possibilità di praticare lo sport per le sopraggiunte  difficoltà economiche cosi come stanno facendo le Istituzioni con lo stanziamento di contributi alle associazioni sportive  per cercare di lenire le difficoltà che si troveranno a dover affrontare nel prossimo futuro».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.