Clubhouse, il nuovo social media "solo audio" è il fenomeno del momento | Password Magazine

Clubhouse, il nuovo social media “solo audio” è il fenomeno del momento

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SOCIAL MEDIA – In tanti ne parlano, in pochi sanno cosa sia realmente. Stiamo parlando di Clubhouse, il nuovo social network che vorrebbe modificare l’assetto di questo settore. Nato nell’aprile 2020 dagli sviluppatori Paul Davison e Rohan Seth, entrambi a capo della startup Alpha Exploration, Clubhouse ha visto ben 2 milioni di utenti in più solamente durante la scorsa settimana.

Un dato buono ma non straordinario se non fosse che questo social non prevede una libera e classica modalità di accesso. Attualmente è disponibile per un solo sistema, iOS (quindi solo iPhone ed iPad). Inoltre, una volta scaricato, non prevede la solita iscrizione ma l’immissione di un codice di invito. Questa modalità, limitata e selettiva, lo ha reso molto esclusivo scatenando alcune delle più classiche forme di marketing, l’hype (letteralmente tradotto in “montatura” o “gonfiamento” atto a creare una forte aspettativa del pubblico), la FOMO e il semplice passaparola. Ogni iscritto ha 2 inviti da regalare a chi è interessato. Non è difficilissimo trovarli ma allo stesso tempo, in alcuni paesi, in alcune comunità, non è mancata la vendita di questi inviti, anche a cifre tutt’altro che basse.

Ma come funziona? Si tratta del primo social network audio, basato su messaggi vocali da inviare all’interno di stanze virtuali, divise per argomento. Niente foto stile instagram, poemi alla facebook o video divertenti come tiktok, tutto si basa sulla voce. Dei moderatori possono creare queste room e decidere a chi dare la parola, portando avanti nel migliore dei modi l’argomento protagonista. Il numero ancora non elevato di iscritti unito alla presenza di diversi personaggi famosi (grazie ad inviti ad hoc quando non addirittura ingaggiati direttamente) permettono l’esistenza di stanze con conversazioni di elevata qualità e con la possibilità di interloquire direttamente con giornalisti conosciuti o personaggi famosi, attori e cantanti in primis. Altro dato sicuramente utile al successo iniziale di Clubhouse.

clubhouse1

Un competitor nuovo e fresco nel mondo dei social media che riesce a far emergere bene la voglia di informazione e contatto umano ma probabilmente una possibile minaccia anche per la radio. Il suo basarsi esclusivamente sull’audio e l’essere attivo in tempo reale (se non sei connesso, non ascolti ne potrai farlo dopo) pone Clubhouse come competitor anche della classica e intramontabile radio FM. Prevedibili le solite polemiche sulla dipendenza a cui potrebbe portare, maggiore rispetto ad altri social in quanto, per non perdere il filo della discussione o l’intervento tanto atteso, potresti star connesso anche tutto il giorno.

Prima o poi dovrà lasciare il mercato dell’esclusività, utile a generare hype, sbloccando il sistema degli inviti e uscendo su tutti i sistemi, Android in primis, allora si vedrà la fetta di mercato che sarà in grado di conquistare e quale social media già esistente ne farà le spese (o radio). Intanto, per i suoi creatori, la scommessa è vinta avendo fatto diventare Clubhouse, a suon di passa parola, quindi a basso costo, il fenomeno (ed il desiderio) del momento.

Lasciatemi fare poi una riflessione sull’audio, da anni messo in secondo piano rispetto al video nel mondo della comunicazione e dei social. La scomparsa della presa jack per le cuffie negli ultimi smartphone, sostituita da dispositivi senza fili facili e comodi da tenere sempre connessi (air pods, galaxy buds, altoparlanti a batterie ecc), uniti agli assistenti vocali che stanno spopolando all’interno delle abitazioni (Alexa, Google Home ecc) erano segnali importanti inviati dalle grande aziende. La nascita di Clubhouse ora probabilmente non è casuale e forse non sarà l’unico esperimento di questo tipo.

 

Articolo a cura di Matteo Baleani collaboratore di Password Magazine ed esperto di marketing e comunicazione

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.