CNA chiede sicurezza per le imprese, Bacci:«6,5 milioni per la città intelligente» | | Password Magazine

CNA chiede sicurezza per le imprese, Bacci:«6,5 milioni per la città intelligente»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tempo di valutazioni per CNA che a fine anno ha deciso di fare il punto sulla situazione delle imprese nella città di Jesi.

Il segretario CNA Andrea Riccardi ha portato all’attenzione numeri positivi per l’andamento del 2017 delle imprese: nell’ultimo anno si è visto un incremento di 16 attività nella città di Jesi. Dato molto importante se si vanno a considerare i numeri in negativo per ciò che riguarda la situazione della provincia di Ancona (le imprese che hanno chiuso sono state 299), e dell’Italia in generale. Ha poi voluto sottolineare il ruolo di Jesi come un comune capofila per l’importanza che riveste nella rete museale (nei mesi estivi 5.500 gli ingressi a Stupor Mundi; 900 ingressi al Museo Diocesano, +45% rispetto lo stesso periodo dell’anno precedente e 3.000 ingressi ai musi civici con Pinacoteca trainante). Qualcosa da ridire invece sull’ imposta di soggiorno, vista con un’accezione negativa per le aziende poiché si ritrovano con più burocrazia e dunque con un costo in più.

Nello specifico, il presidente CNA Alberto Possanzini ha voluto portare all’attenzione del sindaco Massimo Bacci su cinque temi fondamentali: sicurezza, credito e finanza, commercio, mondo start-up e mercato della canapa.

Anche se i dati relativi agli eventi delittuosi registrano un calo, la sicurezza percepita tra la cittadinanza ed imprese, è sempre minore. Le aziende e le persone vivono ormai nella consapevolezza di essere un facile bersaglio per i delinquenti. La CNA chiede dunque azioni concrete per contrastare la criminalità nel quotidiano e che si possa fare squadra anche con gli altri Comuni della Vallesina, perché un territorio attento ed allertato è sicuramente un deterrente per la criminalità. Per ciò che riguarda il credito e finanza, la CNA chiede all’ Amministrazione comunale di spostarsi verso una politica bancaria favorevole al microcredito e allo sviluppo del territorio e a porre la massima attenzione all’applicazione delle tasse locali. Come anche per il commercio, le richieste sono simili: particolare attenzione alla difesa anche delle più piccole imprese e di adottare politiche di salvaguardia e investimenti volti a rendere più attrattivo il centro e le aree periferiche. La CNA ha posto poi l’attenzione sulle diverse start-up nate sul territorio, consigliando di attuare politiche specifiche per la loro permanenza nel territorio della Vallesina. Ed infine, un’attenzione particolare al grande sviluppo della lavorazione della canapa: sarebbe opportuno valorizzare ulteriormente questa “nuova” produzione ed unire e proteggere la filiera con un apposito organismo.

Per tutelare ed agevolare le imprese sul territorio e per far sì che siano sempre più prolifere, il sindaco Bacci Massimo ha risposto alle richieste della CNA facendo un po’ il punto della situazione sulle azioni in atto e quelle in programma.

Per quanto riguarda la sicurezza della città, il Sindaco ha risposto illustrando due tematiche: il progetto sull’illuminazione e della città intelligente; il ruolo della Polizia locale. Il progetto della videosorveglianza è già messo in atto in parte della città e si auspica sia fruibile in tutti i quartieri della città entro metà del 2019, così come il miglioramento dell’illuminazione in tutta la città e soprattutto la realizzazione della città intelligente: sensori per il controllo del traffico e dell’inquinamento e semafori intelligenti per i diversamente abili, in particolare per i non vedenti, per un valore di 6.5 milioni. Per la Polizia locale, da un lato si vedrà il potenziamento dell’organico (oggi sono le uniche assunzioni che non hanno vincoli), dall’altro si dovrà fare una valutazione politica su come gli operatori della municipale potranno fare anche attività di ordine pubblico, cioè se sarà il caso o meno di armare queste persone, “perché l’ordine pubblico si deve fare con adeguati strumenti” commenta il sindaco.

“Dall’inizio del mio percorso da Sindaco ho sempre sostenuto che le medie e piccole imprese siano la spina dorsale del territorio – fa sapere Bacci – Faremo quindi tutto ciò che serve per sostenere chi rischia tutti i giorni, le attività imprenditoriali vano sostenute”.

Il sindaco accoglie con piacere l’invito di fare sinergia con i comuni limitrofi, mettendo in evidenza che Jesi ha già iniziato un percorso come Comune più importante dal punto di vista della popolazione, per far sì che i comuni condividano alcuni servizi importanti. “Noi ne proponiamo tre: la protezione civile, che ha una grande importanza nel territorio; la gestione del personale e quella dell’informatica. Sono tre servizi che stiamo proponendo ai comuni della Vallesina, e credo sia l’inizio di un percorso che potrà favorire un’idea di Vallesina fatta dalla condivisone di stessi servizi a favore della comunità”.

Per ciò che riguarda le micro imprese, l’Amministrazione comunale ha messo in atto due politiche: l’abbattimento della tassazione locale per chi apriva le attività nel centro storico e nei borghi, e l’altra al sostegno al fondo di garanzia regionale per garantire le imprese che chiedono affidamenti. Vi sono stati risultati importanti come la free taxi zone estesa a tutta la città e il supporto per 87 aziende del fondo garanzia per 4.2 milioni dal sistema del credito.

“Per le strat up – commenta il sindaco – non siamo in grado di poter essere il soggetto coordinatore perché non abbiamo le capacità interne, ma vorrei ricordare che Jesi è all’interno dell’incubatore di JCube che sta dando dei risultati molto importanti. Quello che si deve fare è essere di sostegno e supporto, anche perché siamo i primi nella Vallesina per numero di star up che nascono. Da questo punto di vista siamo un’eccellenza vera”. Per quanto riguarda la canapa, il sindaco si è impegnerà ad essere più di supporto, e di agevolare chi vuole cimentarsi nella coltivazione della canapa, mettendo il comune di Jesi in condizione di dare un supporto a chi vuole essere attore di queste iniziative.

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.