CNA su amministrazione Bacci: "Due anni in chiaroscuro". | | Password Magazine
Festival Pergolesi

CNA su amministrazione Bacci: "Due anni in chiaroscuro".

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Elisabetta Grilli, segretario CNA Jesi e Vallesina

JESI – “Due anni in chiaroscuro. Bene lo spirito alla base di alcune iniziative, ancora troppo lontane però da una reale efficacia e concretizzazione. Mentre su altre, non possiamo che ribadire le contrarietà già espresse. Inoltre, rimangono ancora distanti e sfocati punti a nostro parere chiave, come il via alla riqualificazione vera del centro storico ed un Piano Opere pubbliche che risulti realmente una opportunità per la città ed il territorio”.

 Così la Cna di Jesi nel proporre il proprio punto di vista sui primi due anni di amministrazione Bacci e di rapporto col governo cittadino insediatosi con la vittoria elettorale del maggio 2012. “Dal nostro punto di vista- fa notare Cna- è apprezzabile che questo rapporto si sia nel corso dei mesi evoluto rispetto agli inizi e che ora ci sia un atteggiamento più disposto al confronto. Il metodo sta migliorando, questo lo riconosciamo, e ci trova disponibili a fare la nostra parte nella concertazione di alcune iniziative. A tal proposito, bene sul fronte delle imprese e della imprenditorialità la adesione al Fondo di Garanzia regionale e l’attenzione riservata ai giovani con il bando per i contributi agli avviamenti di impresa ed alle assunzioni. E’ la strada giusta, un passo piccolo nelle dimensioni ma nella direzione esatta. Con  l’auspicio che possa diventare più sostanzioso e si riesca ad avviare anche il progetto legato al microcredito”.

Positivi, secondo Cna, quelli che sono stati revisione e ridisegno del mercato ambulante: dopo un lungo percorso, che ha visto coinvolte con impegno e disponibilità costante al confronto le associazioni di categoria, ci si augura che presto possa sperimentarsi concretamente la novità e che l’attuazione pratica incontri la soddisfazione degli operatori.

“Un appello invece lo rivolgiamo-dicono i responsabili Cna- perché si concluda finalmente il percorso legato alla riconversione dell’area ex Sadam e se ne colgano le opportunità. I capitali legati a quella vicenda e ad un gruppo industriale ed imprenditoriale così importante vanno mantenuti sul territorio, sarebbe deleterio veder finire altrove risorse ed occasioni di lavoro che, per persone ed aziende, potrebbero rappresentare chance vitali. Una conversione che va accompagnata e non lasciata alla semplicistica trasformazione di un’area a vocazione produttiva in commerciale con dubbie prospettive. Intanto bene che sia partita una esperienza nuova e dalle ricchissime potenzialità imprenditoriali e di sviluppo come JCube. Riteniamo l’incubatore di impresa, e l’autorevolezza degli elementi che ne fanno parte, una vera e propria eccellenza dalle possibilità di crescita illimitate”.

Le dolenti note riguardano  in particolar modo il centro storico. “Resta ancora tutta da avviarne la rivitalizzazione. Troppi gli interventi in sospeso, una idea complessiva della strada da intraprendere appare ancora lontana dallo scorgersi. Inoltre, in una riqualificazione del centro in stand by, tanto più non si capisce perché continuino a restar fermi anche recuperi di immobili e contenitori possibili e realizzabili, si pensi all’ex cinema Politeama, al complesso delle Giuseppine o all’area Pieralisi, ma non solo, che coi piani a loro legati già pronti rappresentano un vero e proprio potenziale “tesoro” per le possibilità ed opportunità di lavoro che si aprirebbero per le aziende del territorio, oltre ad essere attualmente occasioni mancate di rilancio per spazi lasciati nel degrado e nell’incuria”. Ancora in centro, resta “del tutto negativo il giudizio, nella forma e nella sostanza, sul cambiamento della viabilità di Corso Matteotti. Soluzione che non ci è mai piaciuta, in merito alla quale abbiamo espresso contrarietà prima e dopo la sua attuazione pratica, e una sperimentazione dalla quale chiediamo che si torni indietro, ripristinando quella possibilità di attraversamento di Corso Matteotti all’incrocio con via Mura Occidentali che tanto è importante per una rapida accessibilità del centro. Allo stesso modo e per lo stesso motivo, auspichiamo il ripristino del doppio senso di marcia in via Montello”.

Ancora in centro, bene il percorso intrapreso per favorire l’installazione di dehors all’esterno degli esercizi che somministrano alimenti e bevande. “Ma non ci convincono gli aspetti che finiscono col penalizzare quanti su queste strutture avevano già da tempo investito. Invece di abbattere, si tuteli chi lavora e non se ne appesantiscano i problemi, creando alle imprese ulteriori difficoltà oltre a quelle che già affrontano quotidianamente”.

A più ampio raggio, Cna richiede che nel riqualificare la città si presti la dovuta attenzione, da parte di tutti, ad una questione mai risolta come quella delle tante, troppe barriere architettoniche ancora presenti. Si rilanci il tema, nel concreto e con la spinta alla creazione di una vera e propria cultura di sensibilità. Più in generale, Cna si dice: “Delusa da un Piano Opere Pubbliche che appare essere, guardando dietro le apparenze, un vuoto fatto di sogni irrealizzabili o abbandonati ancor prima di risvegliarsi, piuttosto che un programma di fattibilità concrete al servizio della città”. Nel programmare in questo settore, importante che si faccia attenzione a contatto e a confronto con aziende ed operatori economici: basta poco, una mancata informazione piuttosto che al contrario una tempistica o modalità concordate con chi è coinvolto, ad esempio con lavori davanti al luogo dove si svolge la propria attività, per fare la differenza fra un dramma economico e il rilancio.

 

Altro tema, la revisione del Piano Regolatore avviata dalla amministrazione. “Se l’idea ci è piaciuta, le modalità di perseguimento della stessa non ci hanno affatto convinti e ci sono apparse inadeguate a rendere effettivo ed  efficace lo strumento. Il PRG attuale evidenzia oggettive difficoltà di attuazione e si rende necessaria una rivisitazione sia nei comparti edificatori che vanno ridimensionati o disaggregati quanto nella semplificazione delle norme tecniche attuative. Se nei periodi precedenti il PRG era teso a limitare e coordinare l’espansione edificatoria oggi deve esprimere incentivi ad intervenire e riqualificare l’esistente.

Bene il metodo partecipativo ma lo strumento va affinato per trovare un equilibrio nel metodo di giudizio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.