Cna sulla crisi. Paradisi:"Le imprese verso un cambiamento strutturale" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Cna sulla crisi. Paradisi:"Le imprese verso un cambiamento strutturale"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nella foto, Maurizio Paradisi

Si è riunita nei giorni scorsi la Presidenza territoriale CNA di Jesi, alla presenza del Presidente Maurizio Paradisi e della rappresentanza degli imprenditori, artigiani e commercianti dei 15 Comuni della Vallesina. Tema scottante all’ordine del giorno è l’analisi delle criticità scaturite dalla crisi economica che continua ad attanagliare le imprese medio-piccole, e non solo, del territorio.

Il Presidente Paradisi illustra il quadro generale della situazione delle attività imprenditoriali della zona, snocciolando i dati relativi all’andamento produttivo relativo al primo semestre del 2012 delle imprese di micro e piccola dimensione. La crisi si manifesta sia in un ulteriore addensarsi delle situazioni di imprese con attività in diminuzione (giunte nel 47% dei casi), sia nell’ulteriore diradamento di imprese con attività in crescita (solo il 15,5% dei casi).

Particolarmente preoccupante è la situazione del settore edilizio e dell’installazione impianti, dove a fronte del 9,8% di imprese che aumentano l’attività, si registra il 51,2% delle imprese in condizione di diminuzione dell’attività stessa. Per il secondo semestre 2012 le attese continuano ad essere orientate in negativo anche se in misura meno marcata rispetto alla prima parte dell’anno.

Altra importante questione affrontata durante l’incontro è stata quella relativa al denaro, rispetto ai tempi di pagamento sia tra imprese, sia da parte della Pubblica Amministrazione, unita alle mancanza di liquidità e alle difficoltà di accesso al credito.

“Gli imprenditori devono capire che quando usciremo dalla crisi avremo un cambiamento strutturale rispetto a come abbiamo conosciuto il ‘fare impresa’ fino ad oggi, sia in termini di modalità di pagamenti, sia per quanto concerne la riqualificazione delle strutture aziendali e la selezione dei clienti”, commenta il Presidente Paradisi.

Il problema maggiormente sentito è legato a quelle aziende cui è concesso il Concordato preventivo (specie a basse percentuali come assistiamo accadere) che salvaguarda sì, in certi casi i posti di lavoro ma ne distruggono altri, quelli delle aziende creditorie e quelli delle aziende “sane”che si posizionano nel mercato con il “fardello”di aver sempre ottemperato ad ogni pagamento.

Ossia, per salvaguardare l’impresa che si trova in stato di crisi e i posti di lavoro dei dipendenti, viene stabilita una percentuale che ogni azienda è tenuta a versare al creditore. Spesso, le imprese pagano non più del 30 o del 40% del debito che hanno accumulato nei confronti dei creditori. “Ciò è lesivo per quelle aziende che invece hanno sempre rispettato i termini di pagamento, si sta assistendo a una concorrenza sleale tra le varie imprese”, asserisce il segretario Grilli. Quello che gli imprenditori consigliano è di non accettare Concordati al di sotto del 70% e di pensare a una modalità che vada a premiare lo storico di quelle aziende che non hanno mai fatto ricorso a queste misure.

Durante la riunione con i Gruppi dirigenti delle imprese, si è anche auspicato un incontro con il neo direttore generale di Banca Marche, Luciano Goffi. Gli imprenditori hanno speso parole di stima nei confronti dello jesino, scelto alla guida dell’istituto di credito marchigiano, ben cosciente della realtà territoriale in cui si trova a operare.

“A breve vorremmo anche tenere un incontro di confronto e conoscenza reciproca con la Giunta comunale insediatasi lo scorso maggio, di cui abbiamo già potuto apprezzare alcune prime battute significative, come l’istituzione di un momento concertivo con sindacati e associazioni di categoria anche se il Tavolo dovrebbe essere unico e non spezzettato tra sindacati e imprenditori; la presa in considerazione della proposta di sfruttare il Viale della Vittoria per valorizzare le imprese che vi operano, con, ad esempio, la sistemazione di alcuni gazebo esterni ai bar e alle altre attività commerciali proposta che da anni la CNA rilancia attraverso le attività associate che vi sono insediate.

Plaudiamo a iniziative come la Notte Azzurra che, oltre a valorizzare il territorio, hanno permesso di far arrivare persone a Jesi e in centro così come ringraziamo gli organizzatori della Vallesina Marathon”, continua Grilli.

“Tuttavia avremmo voluto essere pre-consultati  riguardo certe scelte, prima tra tutte l’aumento dell’IMU che non possiamo certo sottoscrivere in questo periodo lungo di crisi che già impatta abbondantemente nelle economie di imprese e famiglie. Ma sono tanti i temi che porteremo all’attenzione dell’amministrazione come la sicurezza o l’affidamento dei lavori alle imprese locali, ma anche azioni positive che vorremmo realizzare congiuntamente. Chiediamo una maggiore efficienza della macchina amministrativa e una semplificazione della burocrazia. Inoltre, vorremmo segnalare il nostro totale disaccordo sull’ipotesi di rendere a pagamento tutti i parcheggi ubicati lungo il Viale della Vittoria”, conclude il segretario.

Comunicato da: CNA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.