«Cocktail a metà prezzo per ragazze»: la pubblicità indigna Casa delle Donne | Password Magazine
Festival Pergolesi

«Cocktail a metà prezzo per ragazze»: la pubblicità indigna Casa delle Donne

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI-  Cocktail a metà prezzo per le ragazze ma a Casa delle Donne non va giù. Ad indignare l’associazione cittadina al femminile, da sempre in lotta per una cultura non sessista e la parità di genere, il manifesto affisso fuori da un locale del centro storico che annunciava lo sconto sui drink riservato alle donne ogni lunedì. Una pubblicità che non è affatto piaciuta a Casa delle Donne, la quale non ha mancato di spiegarne le motivazioni tuonando sui social:

Schermata 2020-09-09 alle 12.30.29«Non ce la date a bere! #mercificazionedelladonna #sorsidisessismo

Più che metà è pochezza e se la miseria è favorire il trangugiare di alcol…proprio non la mandiamo giù! Ah! Tanto per precisare, le sirene sono la conoscenza e noi continueremo a cantarvele, non ci sono cera o legacci che tengano».

«Non abbiamo nulla contro il locale in se’ – spiega Paola Moreschi di Casa delle Donne Jesi -. Siamo anzi a favore delle sane bevute e ci piace vedere che il centro storico sia vivo e pieno di locali. Ben vengano i locali frequentati da giovani, ma proprio per questo auspichiamo che siano loro stessi detentori di un cambiamento.
Casa delle Donne lotta da anni per promuovere diritti civili e sociali e mettiamo su un cono di luce ciò che è spesso in ombra, come appunto può essere un linguaggio sessista per mezzi stampa e nei contenuti che girano online e offline: in questo caso abbiamo messo a fuoco un linguaggio pubblicitario scorretto, che ci sembra oltretutto trito e ritrito, che utilizza i soliti cliché. Per gridare al sessismo non deve esserci per forza una figura femminile in atteggiamenti sensuali ma in questo caso la donna viene mercificata ugualmente come leva di vendita, per attirare ‘uomini assetati’: quest’idea ci sembra appartenente ad una moralità subdola, a soli fini commerciali. Per noi non è galanteria questa: la vera galanteria sarebbe mettere le donne al pari degli uomini. Siamo talmente permeati da questo linguaggio nella nostra società, che ne ignoriamo gli effetti collaterali, e noi lottiamo frequentemente affinché questa cultura così consolidata venga messa in discussione. Un locale così nuovo e giovane sarebbe veramente all’avanguardia se sviluppasse un linguaggio nuovo, nel rispetto della cultura di genere e non discriminante: chi lavora a contatto con il pubblico è bene che inizi a pensare di poter fare la differenza. Potremmo aprire un dialogo insieme agli esercenti dei locali se loro ne hanno piacere, potremmo istituire sicuramente un lunedì molto più creativo, in cui ne potremo giovare tutti e perché no magari davanti ad una sana bevuta insieme a tutte le nostre operatrici! Noi ci siamo!».

Transylvania Vinyl Bar: «Solo una promozione dedicata a una fascia di pubblico: ne facciamo anche per soli uomini».

D’altra parte i titolari e tutto lo staff di Transylvania Vinyl Bar, interpellati da Password sulla vicenda, spiegano: «L’ idea promozionale è una semplice promozione dedicata al pubblico femminile. Curiamo la direzione anche di altri locali rivolti all’intrattenimento e spesso facciamo promozioni a singole fasce di pubblico. Ne abbiamo fatto per gli over 30, per gli over 25, per i single e udite udite anche per gli uomini …per noi è normale operare in questa direzione, sono strategie. Non ci aspettavamo una reazione di sdegno da parte di un’associazione femminista come la Casa delle Donne, per lo più sapendo che ha sede a Jesi. Basterebbe frequentare una sola sera il nostro locale per capire quali sono i nostri ideali. Riguardo al consumo di alcool, l’attacco dispiace ancora di più: in questa iniziativa commerciale non proponiamo il 50% di sconto sull’alcool in genere, cioè non su liquori secchi o amari o vino, ma solamente sui cocktail.

Usiamo prodotti di prima qualità, il nostro personale è qualificato e diversi cocktail costano più di 10 euro: abbiamo così ideato una buona occasione per assaggiarli alla metà del prezzo. Inoltre ne realizziamo degli ottimi anche analcolici. Ci sentiremmo idioti a classificarci come “locale sessista”, la definizione non ci appartiene».

E alla richiesta sul proseguimento delle iniziative promozionali per fasce rispondono: “Certo che proseguiremo nella promozione del lunedì. Anzi a brevissimo usciremo con altre promozioni, dedicate ad altre fasce di pubblico. Chiudiamo con un invito, rivolto al collettivo della Casa delle Donne, quello di trascorrere una serata al Transilvania, così da poterci confrontare personalmente, piuttosto che via social. Social dove in questo periodo così particolare si usa molto attaccare e contro attaccare, molte volte per visibilità e altre solo per il gusto dello scontro. E se le ragazze della Casa delle Donne saranno così gentili da accettare il nostro invito speriamo siano altrettanto cordiali da accettare un ottimo Cocktail offerto dal Transilvania».

A cura di Giovanna Borrelli

 

1 Commento su «Cocktail a metà prezzo per ragazze»: la pubblicità indigna Casa delle Donne

  1. molto probabilmente come già avveniva per le discoteche, che le donne pagassero la metà oppure nulla erano felici cosi era un modo per fare affluenza.
    non vi và bene pagate il prezzo intero e se volete aggiungete qualcosa che quando passo ho la bevuta pagata io non mi offendo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.