Colonia di Antonietta, le ruspe già da domani: migliaia di firme per la petizione | | Password Magazine

Colonia di Antonietta, le ruspe già da domani: migliaia di firme per la petizione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Giù le mani dalla colonia di Antonietta, per la petizione raccolte già 3 mila firme (tale è il numero raggiunto al momento in cui scriviamo). La cifra è destinata a crescere ancora in quanto si punta a raggiungere le 5 mila.

«A giorni partirà la demolizione di tutte le aree riservate ai gatti nei pressi del canile di Jesi lasciandoli al freddo e senza ripari,i gatti sono presenti in quello spazio dal 2003 e sono circa una ottantina – si legge nel testo della petizione – Chiediamo al sindaco Massimo Bacci di riconoscere questo spazio come oasi felina (come da legge 10/97) e al Responsabile Servizio Sanità Animale Area Vasta 2 di modificare il progetto in essere per evitare l’abbattimento delle casette in legno o quanto meno di trovare una soluzione idonea alternativa prima della demolizione».

Le ruspe arriveranno già domani mattina: lo fanno sapere i volontari che gestiscono insieme ad Antonietta Ferretti il rifugio:  «Sarà smantellata una struttura in cemento fatiscente che non fa parte della colonia pur essendo posizionata dove stazionano i gatti – dicono — L’assessore Cinzia Napolitano ha dato disponibilità ad un colloquio con la signora Antonietta a giorni e la ringraziamo cosi ci deluciderà su cosa si basa la convenzione che il Comune ha, in favore dei felini e potremmo finalmente capire come mai a Jesi non esiste ancora un Oasi felina, a differenza di alcune città come Ancona, Senigallia e così via».

La Asur dopo aver vinto un contenzioso ha infatti il diritto di appropriarsi del terreno e ha deciso con tanto di lavori confermati di procedere alla realizzazione di un diverso accesso al canile, realizzato proprio dove sono posizionate le casette in legno della colonia:

«L’associazione che gestisce il canile come da comunicato stampa ha proposto alla signora Antonietta la possibilità di mettere alcune cucce in una zona più sicura, ma a causa dei numerosi gatti le perplessità su questa soluzione sono molte – proseguono i volontari della colonia – La signora Antonietta e a questo punto tutti noi…chiediamo in primis la tutela dei suoi 80 gatti, spazi idonei dove poterli sistemare e dove trasferire le sue casette, il riconoscimento della sua colonia come oasi felina e il mantenimento di tale struttura con acqua e elettricità come previsto dalla legge regionale 10/97 smi».

2 Commenti su Colonia di Antonietta, le ruspe già da domani: migliaia di firme per la petizione

  1. Un comune che si ritiene animalista ed ecologista nei tempi previsti cerca un ricovero per questi poveri gatti poi provvederà ad effettuare la demolizione, spero che in tempi brevi si arrivi ad una soluzione che salvaguardi la salute dei mici.

  2. Prima di demolire il gattile, dovrebbero trovare una soluzione alternativa per questi poveri animali. Cosa facciamo le leggi contro i maltrattamenti quando un giudice da l’ok per buttarli per strada. Qui qualcosa non porta!!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.