Come si voterà il prossimo Presidente della Repubblica | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Come si voterà il prossimo Presidente della Repubblica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da pagina facebook: Giuseppe Conte

Lunedì 25 gennaio inizieranno le votazioni per eleggere il prossimo Presidente della Repubblica che sostituirà l’uscente Sergio Mattarella, 80 anni, al Quirinale dal 2012. In questi giorni si sta discutendo molto in tutti i media italiani di chi potrà essere il suo successore, considerando le difficoltà dei gruppi parlamentari nel trovare un unico accordo. I nomi che sono usciti in queste settimane sono quello dell’attuale Presidente del Consiglio Mario Draghi, del segretario di Forza Italia Silvio Berlusconi, del presidente della Camera Elisabetta Casellati, il rappresentante al Senato del partito Per le autonomie Pier Ferdinando Casini e l’eurodeputato Maurizio Lupi, fra gli altri.

Al momento, nessuna coalizione dei gruppi in Parlamento ha abbastanza elettori da poter eleggere il prossimo presidente e quindi si andrà avanti con le votazioni. Il voto per questa elezione è segreto e lo scrutinio avverrà solo una volta al giorno tramite lettura di tutte le schede da parte del presidente della Camera, Roberto Fico.

Chi vota e come

Per eleggere il prossimo Presidente i parlamentari si riuniranno alle 15 tutti i giorni per evitare l’assembramento e favorire il voto in sicurezza degli aventi diritto al voto per questa specifica carica politica, cioè i grandi elettori, i deputati e senatori a cui si aggiungono i delegati regionali. Sono in totale 1.009, divisi in 630 deputati, 321 senatori e 58 delegati regionali (3 per ogni Regione più uno per la Valle d’Aosta).

A partire da lunedì si procederà con dei sistemi di voto divisi in due tranches. Nei primi tre giorni si procederà per uno scrutinio con elezione in base al quorum di due terzi dei membri, cioè 673 voti (sui 1099 dei votanti). In caso non si fosse raggiunta la soglia dei voti prevista, da giovedì in poi basterà raggiungere la maggioranza del 50% +1, cioè 505 voti. Nei giorni scorsi si riteneva che si sarebbero potute essere delle difficoltà nel reperimento dei voti dei parlamentari positivi dal Coronavirus e quindi assenti. Mentre giovedì è stato deciso con una norma legislativa che i positivi riceveranno una deroga per poter uscire dalla quarantena e votare dal parcheggio del Quirinale, secondo quanto riportato dall’agenzia Agi.

draghi

I numeri dei partiti

Fra i partiti, il Movimento cinque stelle e la Lega sono quelli che hanno più elettori, rispettivamente 236 i pentastellati e 212 il partito di Salvini. Seguono il Partito Democratico con 155 e Forza Italia con 134. Il centrodestra è la coalizione con più elettori di tutti (455, considerando anche partiti minori e quello che secondo i sondaggi è il secondo partito del Paese per popolarità, Fratelli d’Italia) ma gli mancano 50 voti per raggiungere la soglia – il quorum – dal quarto scrutinio in poi, sempre considerando che tutta la coalizione voti per lo stesso candidato.

La coalizione di centrosinistra (composta da PD, Liberi e Uguali, Centro Democratico, Facciamo Eco, Misto e Italia Viva, più altri minori) può raggiungere un totale di 232 elettori, che se sommati a quelli del M5s si arriva a 425.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.