Comitato contro discarica, un concerto di raccolta fondi per ricorrere al Tar

PIANELLO VALLESINA – Un concerto promosso dal Comitato per il controllo della Discarica per raccogliere i fondi necessari e fare ricorso al TAR contro la decisione della Provincia di approvare l’ampliamento in verticale della Cornacchia.

Domani sera, alle ore 21.00 presso la Sala Polivalente di Pianello Vallesina, si esibiranno i Desaritmia, nati nel 2016 dalla fusione di due giovani realtà musicali del territorio marchigiano-romagnolo: da una parte gli “Aritmia Percussion trio”, giovani percussionisti di formazione accademica, dall’altra Anna Ghetti, una giovanissima cantante jazz.

Insieme sono vincitori del concorso Gianni Ravera, si sono esibiti al Festival show e sul Red carpet del festival di Sanremo condividendo il palco con Albano, Francesco Gabbani, Bobby solo e molti altri. «Una discarica che ha diviso comunità intere, una sorta di scontro feudale d’altri tempi quasi una favola dove un comune ricco e potente e i suoi signori pretende di assoggettare tutto e tutti – dicono dal Comitato –  Ricorreremo contro la decisione della Provincia al Tar che a gennaio prossimo dovrebbe esprimersi».

Il Comitato ricorda come, lo scorso anno, la legge attraverso la Provincia era intervenuta formulando giudizio di incompatibilità ambientale negativo e negando l’ampliamento in quanto non rispettava le distanze dai centri abitati, la popolazione poi non la tollerava e la regione non la richiedeva neppure. «La discarica doveva chiudere nel 2017, non serve a nessuno e non rispetta la legge che tutela la salute pubblica».

Dopo ricorsi e controricorsi anche il  Tar a gennaio di quest’anno boccia l’ampliamento: «Ai nostri però, di rinunciare alla cuccagna non ci pensavano proprio e visto che non veniva concesso l’ampliamento in orizzontale pensavano bene di chiederlo in verticale, le distanze e le necessità restavano le stesse, come la discarica d’altronde, ma contraddicendo se stessa il buon senso e secondo noi la legge, con un salto mortale carpiato all’indietro stavolta la Provincia approvava, una decisione davvero assurda, sconcertante addirittura, ma la politica può molto in queste cose, non lo potrebbe fare ma lo fa – continua il Comitato – Stavolta insorgevano anche i comuni soci della stessa società So.ge.nus e giustamente attraverso i loro consigli comunali: e noi come comitato ricorriamo contro la decisione al Tar».

E aggiunge: «Unirci è il dono che ci siamo promessi di regalare alla generazione prossima e che è diventato un debito e una promessa per noi e cioè quella di una discarica che dopo 45 anni è giusto cessi la sua attività su questo territorio per consegnarlo sano e sicuro da vivere ai nostri figli e ai nostri nipoti».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*