Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi: se c'è la volontà politica il monumento non si sposta | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi: se c’è la volontà politica il monumento non si sposta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Il comitato Nessuno Tocchi Pergolesi ha di nuovo richiamato l’attenzione sul problema dello spostamento del monumento omonimo.

Un messaggio al nuovo Consiglio comunale, tanto per far sapere che la questione c’è, è sul tavolo, e che i tempi vanno ancora a rilento in relazione alla proposta di referendum.

Il presidente, Vittorio Massaccesi, punta subito l’attenzione sul fatto che la Commissione dei Garanti a tre sia decaduta venendo meno la vecchia assise cittadina “e deve essere di nuovo deliberata la sua composizione. Si spera che il Consiglio comunale possa procedere nella sua seconda seduta visto che la prima, in programma giovedì 29, è quella di insediamento”.

Il difensore civico regionale la sua casella la occupa, come pure il presidente, di nomina, appunto, comunale, l’avvocato Patrizia Niccolaini, all’appello è sempre mancato il rappresentante di nomina prefettizia. E “non si capisce perché questi tempi siano così lunghi. Il Comune deve farsi carico di sollecitare questa nomina”.

Bisognerà, comunque, rifare tutto –  il presidente rimarrà lo stesso – e certamente si andrà a finire a dopo l’estate.

“Abbiamo già chiesto – ha specificato Massaccesi – un incontro all’avv. Niccolaini per esporre le nostre ragioni, come prevede d’altro canto la normativa. La delegazione sarà composta da me, Gabriele Fava ed Elisabetta Landi. La decisione che si prenderà sarà inappellabile, quindi o sì o no al referendum”.

Nel frattempo, dallo studio dell’avvocato Paolo Mocchegiani arriva il parere “in capo alla stazione appaltante – il Comune – di richiedere una variante al progetto definito dall’intervento di riqualificazione architettonica e urbanistica di corso Matteotti e piazza della Repubblica”.

In sostanza, illustra Massaccesi, “la normativa  applicabile nel nostro caso configura l’obbligo da parte dell’esecutore di eseguire tutte le variazioni ritenute opportune dall’appaltante, in misura inferiore a quanto previsto nel contratto, nel limite di un quinto dell’importo”.

In soldoni, se c’è la volontà politica il monumento non si sposta perché non ci sarebbe nessun ostacolo di carattere giuridico.

La questione Vittorio Sgarbi che, come si sa, aveva innescato polemiche viste le due differenti prese di posizione del critico d’arte. Che in un primo tempo aveva escluso categoricamente che fosse praticabile lo spostamento per tutta una serie di ragioni.

Salvo, poi, ritornare sui suoi passi, poco prima delle elezioni amministrative, adducendo il fatto che, in fondo, la collocazione del monumento lui non la conosceva bene.

Falso – afferma Massaccesi – e queste fotografie che vi mostro, risalenti al maggio 2015, testimoniano il contrario”.

E si vede  il critico d’arte che se ne sta tranquillamente in compagnia accanto alla chiesa di San Nicolò, proprio di lato al monumento in questione e proprio nella piazza al centro della disputa.

Pino Nardella

 

 

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.