Comitato per il NO, attacco agli imprenditori del Sì. Critiche anche al M5S

JESI – Il Comitato per il No alla riforma costituzionale ringrazia il Presidente del Consiglio Comunale di Jesi per aver voluto ed organizzato l’incontro pubblico che si terrà al Palazzo dei Convegni venerdì 14 ottobre e che vedrà confrontarsi due relatori, uno a favore del Sì e uno per il No.
Dopo le iniziative già realizzate dal Comitato, questa sarà un’ulteriore occasione per informare i cittadini “degli effetti nefasti della de-forma che vorrebbe stravolgere gli equilibri della nostra Costituzione e dell’importanza di votare No il 4 dicembre”.
Per il Comitato del NO interverrà il Prof. Antonio Di Stasi, dell’Università Politecnica delle Marche, per il Sì il Dott. Simone Calzolaio dell’Università di Macerata.

“Ricordiamo che gli “imprenditori per il Sì”, tanto pubblicizzati qualche tempo fa alla presenza del gotha del PD locale, hanno invece preferito tirarsi indietro, affermando che il loro comitato “nasce al di fuori della politica e per questo motivo non ritiene opportuno partecipare ad incontri o dibattiti che potrebbero inevitabilmente dar vita ad agoni politici”, lasciando di fatto lo scettro ad un nuovo comitato renziano – si legge in una nota stampa del Comitato per il NO di Jesi –  Comprendiamo che non sia affatto facile trovare le argomentazioni per sostenere in pubblico questa pessima riforma, ma fuggire in questo modo dal confronto alla luce del sole non ci sembra particolarmente edificante”.

Sempre nella nota si legge quanto segue: “Questo dibattito pubblico, secondo noi molto valido ed utile ai cittadini ancora indecisi, effettivamente non è stato gradito da tutti: alle riunioni organizzative, infatti, i partecipanti sono stati informati dal Presidente Massaccesi che il consigliere Gianangeli gli avrebbe inviato una lettera con la quale disapprovava le modalità di questa iniziativa – puntualizza il Comitato del No Jesi – Il capogruppo del M5S, stando a quanto riferito, chiedeva che l’organizzazione venisse completamente ridiscussa in una riunione dei capigruppo, dato che lui avrebbe voluto che il dibattito sul referendum fosse condotto dai partiti politici, mentre i comitati composti dai cittadini, tra cui il nostro, si sarebbero dovuti eventualmente accodare in qualità di ospiti. Rimanendo abbastanza sbalorditi di fronte a ciò, considerando anche che in molte realtà, a differenza di Jesi, il Movimento 5 Stelle collabora attivamente con i Comitati per il No, abbiamo chiesto una copia della lettera attraverso un accesso agli atti, per capire se le cose stessero davvero così. Essendo però ormai passato più di un mese senza che gli uffici comunali ci abbiano dato alcuna risposta, a questo punto chiediamo direttamente al consigliere Gianangeli di fornirci una copia della corrispondenza in questione, intercorsa tra lui e il Presidente Massaccesi ed avente ad oggetto il referendum costituzionale e il nostro Comitato per il No, sempre che essa non contenga elementi tali da renderla segreta”.

Comunicato da: Comitato per il No di Jesi e della Vallesina

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*