Comitato per il NO: "La Boschi a Jesi ha preferito incontrare gli imprenditori e non i cittadini" | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Comitato per il NO: "La Boschi a Jesi ha preferito incontrare gli imprenditori e non i cittadini"

JESI – Il Comitato per il NO di Jesi alla riforma costituzionale invia una riflessione sulla recente visita della ministra Boschi a Jesi:

“La ministra delle Riforme Boschi, nota costituzionalista, prima di infondere a Termoli, domenica scorsa, il suo nuovo ed esilarante assioma “nuova Costituzione – lotta al terrorismo” onora Jesi della sua bella presenza, nel lungo tour pro-referendum. La città regia però se ne accorge solo a cose fatte. In segreto, anzi, in privato e su invito, la giovane aretina incontra gli imprenditori del “si”. Presenti, semi clandestini: prefetto, questore, rappresentanti delle forze dell’ordine, sindaco e alcuni giornalisti privilegiati; assenti: i cittadini e perfino i rappresentanti del partito di cui la ministra è membro.

Per carità! ognuno è libero di invitare chi vuole a casa sua, ma un ministro della Repubblica ha pari obblighi verso tutti indistintamente.  Se la riforma della Costituzione è per tutti, perché a Jesi la illustrano e propongono solo gli imprenditori e agli imprenditori??!! Magari a noi comuni mortali, semplici lavoratori, pensionati, studenti, disoccupati, precari che non abbiamo redditi da milioni di euro, ci sfugge qualche piccolo vantaggio che l’attuale classe politica e quella imprenditoriale avranno da questa riforma?

Comunque stiano le cose, ciò che appare chiaro è che la Boschi a Jesi ha preferito la visita privata allo stabilimento di un noto imprenditore cittadino, decidendo quindi di incontrarsi solo con una minima parte della città, quella padronale. Curioso per un esponente di un partito che si dice democratico! Tutto è lecito, dunque anche qualche nostro dubbio.

Nel suo tour promozionale, come accade d’altronde nelle più scafate campagne pubblicitarie, la ministra non risparmia se stessa ma, lungi dall’entrare nel merito di ciascuna modifica apportata alla Costituzione del ‘48, associa strabilianti poteri al nuovo testo della Carta, le cui modifiche sono state evidentemente suggerite e scritte altrove. Molto altrove, come testimonia in modo inequivocabile un documento del 2013 del colosso finanziario JPMorgan.

Infatti poche ore dopo l’epifania jesina, in quel di Termoli, annuncia che con il sì alla riforma vincerebbero sia l’Italia moderna che coloro che lottano contro il terrorismo. Planetario, ovviamente.

Dal nuovo ma non originale glossario del Governo, ripetuto come un mantra per convincere e tentare di convincersi,  estrapoliamo in ordine rigorosamente alfabetico solo alcune delle alchimie che si produrrebbero dall’ adesione al presunto “cambiamento”: affidabilità, credibilità, fortezza, economicità, modernità, semplicità, stabilità….

La giovane ministra forse non sa o finge di non sapere che i/le Costituenti, quelli/e veri/e del ’46 idearono una Carta cosiddetta “rigida” proprio per impedire derive autoritarie di padrini o madrine senza memoria storica (il fascismo riuscì a piegare lo Statuto Albertino proprio perché troppo flessibile) che la potessero piegare a proprio comodo e piacere alla faccia del popolo sovrano.

La Costituzione più bella del mondo è naturalmente migliorabile ed emendabile, infatti è stata modificata (non sempre in meglio) innumerevoli volte dal ’48, ma mai in modo così massiccio e disastroso. Quando la Boschi racconta e ripete che la prima parte della Carta, quella dei PRINCIPI FONDAMENTALI non viene toccata fa un’affermazione non vera. Se mutano le procedure e le istituzioni, muterà anche il livello di garanzia dei diritti. Quali leggi e politiche migliori possiamo aspettarci se il prossimo Parlamento sarà, come già quello in carica, indebolito da un sistema elettorale fortemente distorsivo della volontà popolare e succube dell’Esecutivo?

Le modifiche imposte da lontano compromettono i diritti, non solo quello di scegliere i propri rappresentanti politici, bensì tutti quelli legati alla possibilità di incidere con la partecipazione alle decisioni vitali legate al diritto al lavoro, alla dignità, alla protesta, alla pace, ai beni comuni per tutti.

La fantasmagorica visita jesina della Boschi ci rafforza nella volontà di lottare per il NO”.

Per approfondire:

https://www.facebook.com/Coordinamento-per-la-Democrazia-Costituzionale-Jesi-1079858692072427/

http://temi.repubblica.it/micromega-online/si-scrive-renzi-si-legge-jpmorgan/

https://www.youtube.com/watch?v=wfRpjZk_bCA

 

Comunicato da: Comitato per il No Jesi

 

 

 

 

 

Foto da: pagina FB  Comitato Imprenditori per il Sì

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.