Commercio illegale di legname, sazionati 4 commercianti in provincia di Ancona | | Password Magazine
Lulù  

Commercio illegale di legname, sazionati 4 commercianti in provincia di Ancona

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Corretta importazione della legna da ardere e prodotti derivati dal legno. Questo l’obiettivo dell’operazione della Forestale che hanno sanzionato quattro commercianti residenti in provincia, alla luce del regolamento europeo (EUTR UE 995/2010) volto ad evitare la distruzione delle foreste. Gli imprenditori del settore legno dell’UE devono infatti, accertarsi sulla corretta provenienza dei materiali importati ed immessi sul mercato ed a registrare tutte le informazioni necessarie per consentire la verifica della legalità. L’operazione, scaturita da informazioni riguardanti presunti tagli illegali nelle foreste bosniache, con conseguente grave danno per gli ecosistemi forestali balcanici, ha riguardato sei imprenditori che risultavano aver importato prodotti del legno provenienti dalla Bosnia nel corso del 2016, attraverso il porto di Ancona. I forestali del Comando Provinciale di Ancona e del servizio Cites Territoriale di Fermo hanno riscontrato in quattro casi la mancanza della documentazione e del registro, necessari per poter verificare la legalità delle importazioni e l’adozione del prescritto sistema di dovuta diligenza, pertanto i forestali hanno contestato altrettante sanzioni amministrative, di importo pari a 3mila euro ciascuna. Due ditte sanzionate avevano importato legna da ardere, mentre le altre due prodotti del legno. Qualora le indagini, in corso di svolgimento, consentissero agli agenti di accertare l’avvenuta violazione delle leggi forestali vigenti nei paesi di produzione, gli imprenditori verranno anche deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato previsto dal Decreto Legislativo che prevede, nei casi più gravi l’arresto fino ad un anno. I fenomeni della deforestazione e dei tagli illegali di legname stanno assumendo dimensioni preoccupanti in Serbia, Bosnia, Albania e altri paesi balcanici, e il porto Dorico è un crocevia fondamentali per queste importazioni.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.