Commissione Sanità, tutte le criticità del Pronto soccorso | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Commissione Sanità, tutte le criticità del Pronto soccorso

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La Seconda Commissione Consiliare permanente e la Commissione Sanità del Comune di Jesi, riunite in seduta congiunta il 26 aprile scorso, hanno preso in esame un documento sulla situazione del Pronto Soccorso dell’Ospedale Carlo Urbani che ripropone e riassume problematiche più volte affrontate e che attendono ancora una risposta.

Il documento, intitolato “Situazione del Pronto soccorso dell’ospedale Carlo Urbani: analisi e proposte dal consiglio comunale di Jesi” e sottoscritto da tutti i capogruppo del Consiglio Comunale di Jesi e dai presidenti della Seconda Commissione Consiliare permanente e della Commissione Sanità, è integrato da soluzioni che saranno riportate all’attenzione dell’ASUR e della Regione Marche come contributo per affrontare in maniera completa e risolutiva le criticità ormai non più sostenibili.

Secondo quanto si apprende dal documento “il P.S. di Jesi, attualmente, costituisce una sorta di “imbuto” per l’intera Vallesina, essendo spesso considerato dall’utenza un canale preferenziale in cui, a qualsiasi ora del giorno e della notte, si riversa ogni tipo di problematica, senza alcuna distinzione tra quelle urgenti e quelle differibili, che potrebbero essere tranquillamente gestite dal medico di medicina generale in sede ambulatoriale o domiciliare- Tutto questo è attribuibile alla mancanza di strutture adeguate in ambito territoriale, strutture che possano assicurare la presa in carico delle problematiche non urgenti degli stessi cittadini”.

Ad aggravare ancor di più la situazione “una evidente scarsa informazione su come il Pronto Soccorso dovrebbe essere utilizzato” e soprattutto “la necessità (spesso trattasi in vero di una sorta di scorciatoia) di evitare le attese interminabili per l’esecuzione di una visita specialistica o di un esame strumentale, prenotati tramite CUP (al contrario, al Pronto Soccorso si giunge ad una diagnosi in modo relativamente rapido, viene prescritta una terapia in modo altrettanto celere e, soprattutto, non esiste un ticket da pagare, se non per i codici bianchi).

Il Pronto Soccorso sarebbe dunque quasi sempre in grado di dare una risposta adeguata ad ogni tipo di esigenza, valutando e trattando circa 30.000 casi all’anno. Secondo l’analisi effettuata, non risulterebbero neanche esserci percentuali elevate di denunce per negligenza o per imperizia o per mancata appropriatezza delle cure nei confronti degli operatori dello stesso.

Inoltre, da qualche tempo, gravitano poi sul P.S. di Jesi ben 2 Punti di Assistenza Ambulatoriale Territoriale (detti PAT), il PAT di Chiaravalle e il PAT di Cingoli, strutture della cui esistenza la popolazione è scarsamente o non correttamente informata.

“Prova ne è – si legge nel documento – che queste strutture non funzionano come invece dovrebbero”.

Inoltre: “A seguito della chiusura dell’ospedale di Chiaravalle, molto spesso succede che i pazienti vengano convogliati su Jesi per problematiche sempre più gravi, pazienti il cui accesso in PS avviene mediante trasporto in ambulanza previa chiamata del 118, con  un ulteriore carico di malati che grava su un ospedale.

Per quanto riguarda le liste d’attesa, “sono esageratamente lunghe e tutti i pazienti che l’ufficio CUP non accetta, a causa del completamento delle suddette liste, vengono inviati automaticamente (ed erroneamente) in PS”. Gli inaccettabili tempi per prestazioni ambulatoriali o diagnostische comportano un indebito aggravio sul Pronto Soccorso, intasandolo e rallentandone l’attività.

Superare la lista d’attesa in ospedale è possibile:”La legge lo consente ed è un diritto di ogni ammalato. In particolare, chi è costretto ad aspettare tempi superiori rispetto a quelli stabiliti dalla legge per una visita medica specialistica o un esame diagnostico, può chiedere che la stessa prestazione medica gli venga fornita nell’ambito dell’attività libero professionale intramuraria (anche detta intramoenia) del singolo medico, senza costi aggiuntivi rispetto al ticket già pagato”.

Un altro problema importante è costituito dal numero dei posti letto disponibili, che attualmente risulta del tutto inadeguato alle esigenze dell’utenza: si legge spesso sui giornali che, in P.S., i pazienti sostano anche due giorni interi su una barella prima di essere ricoverati e poter usufruire di posti letto che ogni volta il personale medico reperisce con estrema difficoltà.

L’ambito territoriale di Jesi è costituito da 21 Comuni, ed il bacino di utenza è di circa 102.000 abitanti, per un territorio di 673 Kmq. In base a tali numeri, la dotazione dei posti letto dell’Ospedale “Carlo Urbani” di Jesi dovrebbe essere di 377 (va tenuto conto che quello di Jesi è l’unico ospedale di riferimento di tutta la Vallesina). “Qual è invece la situazione numerica dei posti letto del “Carlo Urbani”? – si legge nel documento – Chi ha deciso modifiche dell’assetto del ns. Nosocomio?”

Ovviamente, l’insufficienza dei posti letto comporta una inevitabile ricaduta sul Pronto Soccorso Jesino che, quotidianamente, deve lottare per riuscire a garantire ai Pazienti una risposta di qualità ma che non è in grado di garantire un ricovero per i motivi suddetti. Il documento evidenza anche la situazione di carenze riguardanti ad esempio il reparto di Bronco Pneumologia: anche questa situazione va a ricadere sul Pronto Soccoso, come carenze di posti letto.

Un altro problema riguarda le giornate di degenza, che spesso risultano eccessive. La gestione delle cronicità richiede un approccio nuovo o comunque diverso per meglio garantire la continuità delle cure e l’integrazione Ospedale–Territorio.

Alle lunghe attese di alcuni pazienti in PS contribuisce anche il fatto che il personale medico-infermieristico è chiamato a dedicare gran parte del suo tempo e della sua attenzione a tutto ciò che rientra nella sfera dell’Emergenza/Urgenza, accantonando momentaneamente tutte le problematiche minori, in particolare quelle che non sono assolutamente pertinenti all’ambito del PS stesso: “La guardia medica posta all’interno della struttura ospedaliera potrebbe contribuire alla definizione della gravità degli accessi, smistando gli utenti che necessitano di una immediata diagnostica, ed evitando ad altri l’accesso al pronto soccorso, con la prescrizione da subito di cure adeguate. Vanno inoltre implementati percorsi di fast track e la disponibilità di diagnostica con orari pù ampi rispetto alla attuale situazione”.

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.