Commissione su Decreto sicurezza: «Lo Sprar gestito da Jesi il più grande d'Italia» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Commissione su Decreto sicurezza: «Lo Sprar gestito da Jesi il più grande d’Italia»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – Decreto sicurezza, l’incontro di approfondimento c’è stato ma senza il Prefetto Antonio D’Acunto che aveva impegni concomitanti né è riuscito ad inviare un suo delegato. La seduta, convocata per ieri pomeriggio dalle commissioni consiliari 1 e 2, su richiesta anche del presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi, si è comunque svolta grazie alla partecipazione dell’Asp Ambito IX (Azienda ai servizi alla Persona).
Al centro, il tema del Decreto sicurezza, la questione migranti e le criticità applicative che sembrano registrarsi sull’attuale sistema per alcune tematiche di competenza dell’Amministrazione.
Il presidente Sergio Mosconi e il direttore Franco Pesaresi hanno subito chiarito la delicatezza della questione: «Lo Sprar gestito dall’Asp 9, che coinvolge 22 comuni, è il più grande d’Italia – ha detto il direttore Pesaresi – Inoltre è il terzo per numeri di migranti gestiti, ad oggi 492, equivalenti al 37% dei casi delle Marche».
Sono circa un centinaio gli operatori a lavoro, una novantina gli appartamenti destinati a migranti, ciascuno dotato di circa 6 posti letto, dislocati in tutta la provincia. «A Jesi sono 50 le persone assistite – continua Pesaresi – Con il nuovo decreto saranno molte le persone che non otterranno il riconoscimento».
Secondo quanto riferito infatti dall’Asp, con il nuovo Decreto sicurezza lo Sprar cambierà nome e accoglierà solo chi otterrà il riconoscimento dello status di rifugiato o minori non accompagnati. Aumenterà infatti l’impegno economico del governo in favore dei minori.
Non ci saranno tutele invece per chi resta fuori dalla protezione umanitaria, una forma di accoglienza che riguardava il 25% degli arrivi in Italia e ora non più prevista;  al 58% veniva negato il riconoscimento dello status di rifugiato, il resto (il 33%) otteneva tale riconoscimento.
Per ogni persona assistita lo Sprar riceveva dallo Stato 35 euro che ora scenderanno a 21: il migrante ne riceve 2,5 al giorno. «Il Decreto mira a realizzare centri più grandi ma con queste cifre, diventa difficile anche solo gestire gli appartamenti» ha detto Pesaresi .  Resta ancora l’incognita dei centri di rimpatrio, che non ci sono ancora.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.