Compleanno e ultimo giorno nella Finanza, Pasqua speciale per Calogero Vicari | Password Magazine

Compleanno e ultimo giorno nella Finanza, Pasqua speciale per Calogero Vicari

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – È una Pasqua indimenticabile per il Brigadiere Capo Q. S. Calogero Vicari: oggi compie 60 anni ed è il suo ultimo giorno nelle Fiamme Gialle prima della pensione. Nato in Sicilia ma da anni a Jesi, dove vive con la moglie e i figli Marco e Federica, ripercorre gli anni della sua carriera: «Mi sono arruolato nel 1981, dopo il corso a Mondovì sono stato trasferito presso la scuola sottufficiale di Ostia dove sono rimasto per 17 mesi a fare il piantone. Successivamente sono stato trasferito a Genova, 8 mesi dopo ho fatto il corso per guidare le auto da inseguimento e il 12 settembre del 1984 fui trasferito al Nucleo Polizia Tributaria di Ancona» .

ab936e3f-1ee0-4107-b64e-4057c24f49b1
Brigadiere Capo Calogero Vicari

Dal 1984 al 1989 Vicari è al I° Gruppo di Sezioni con le mansioni di Alfista, per pattugliamento e perlustrazione del territorio nel settore del contrabbando: «Nel 1989 arrivo al Reparto che più ho amato, il G.O.A. Gruppo Operativo Antidroga, dove ho fatto per tanti anni l’infiltrato e l’agente sotto copertura, prestando servizio in numerose operazioni e contribuendo a moltissimi arresti di criminali».

Dal 1996 fino al 1998 viene trasferito al G.R.F. Gruppo Repressioni Frodi, partecipando anche in questo Gruppo a numerosi operazioni per frode alla CEE. Nel 1999 ha frequentato la scuola sottufficiale dell’Aquila uscendo con il grado di Vice Brigadiere, poi fu trasferito al G.I.C.O. (Gruppo Investigativo Criminalità Organizzata) sempre in Ancona partecipando a numerose altre operazioni importanti fino al 2007. Quando nasce il Gruppo Tutele Economia, Vicari è mandato alla Sezione Diritti di Proprietà Intellettuale e Industriale ed entra a far parte integrante di brillanti operazioni: «Tra queste – racconta – il sequestro di 300 quintali di sigarette e 851 kg di hashish, come un’altra operazione in materia di contraffazione con diversi responsabili denunciati e il sequestro di 700 mila articoli contraffatti (Suprime) per un valore complessivo di 10 milioni di euro. E sono molte altre operazioni di servizio…».

«Ho amato moltissimo il mio lavoro. Sono stato sempre in prima linea, non mi sono mai tirato indietro mettendo a volte anche a rischio la mia vita – fa sapere -. Riconsegnare la divisa, raccogliere tutto e metterlo in una scatola, dopo 40 anni di carriera, è stato difficile. Ho operato su tutto il territorio italiano, durante tutta la mia carriera sono stato premiato moltissime volte con Encomi Solenni, Encomi semplici e tanti Elogi. Mai una punizione. Rifarei tutto, non c’è una cosa che cambierei».

Da domani Calogero sarà ufficialmente in pensione e non potrà neanche festeggiare, come si usa, a causa della pandemia. «Ho ricevuto comunque tanti messaggi dai miei colleghi, li ho sentiti davvero vicini, nonostante tutto. Non sarà facile affrontare il distacco da quella che per me è stata una seconda famiglia, una parte importante della mia vita. Me ne sto rendendo conto proprio in questi giorni. Io oggi mi congedo ma dentro di me la fiamma arderà sempre».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.