Comunali 2017, Giuliodori: "Necessario superare le differenze e unire la Sinistra intorno a un candidato"

JESI – Questa mattina, Ero Giuliodori ha convocato la stampa jesina per lanciare un appello: unire la sinistra, dalle forze partitiche a quelle sociali, culturali e sindacali, accantonando le differenze per trovarsi d’accordo sul nome di un possibile candidato in grado di affrontare la battaglia elettorale. “Una strategia possibile solo se si avrà la volontà politica di superare le divisioni –  ha detto Giuliodori –  da cittadino e da uomo di sinistra, mi pongo la questione di cosa vuole fare il nostro mondo, tenuto conto che già le altre forze politiche si sono posizionate sullo scacchiere. E’ ora di far sapere ai cittadini se la sinistra vuole presentarsi divisa in due o più segmenti, e così partendo da posizione di svantaggio, o se piuttosto c’è la volontà politica di ragionare su un programma, ancor prima che su un candidato, condiviso. Perciò voglio lanciare un appello ai partiti e ai movimenti di sinistra che ancora secondo me, insieme, rappresentano la maggioranza in questa città, e soprattutto possono fornire una risposta concreta ai problemi di Jesi”.

In un’intervista del maggio 2016, Ero Giuliodori, allora indicato all’interno del PD come possibile candidato in grado di creare questa coesione, aveva già dichiarato di essere favorevole a discuterne a patto che ci fossero condizioni aggreganti, di modo che la sua candidatura fosse una scelta unitaria ed evitare le primarie “troppo spesso soggette a personalismi che estremizzano ulteriormente le differenze”.

Nei mesi successivi, in occasione del Referendum sulla riforma costituzionale, Giuliodori sceglieva però di allontanarsi dalla linea di partito e di militare nel Comitato per il NO, una battaglia affrontata di pancia perché “andava contro alcuni principi propri della sinistra democratica – ha spiegato Giuliodori – riducendo gli spazi conquistati da precedenti lotte” .

L’appello di Ero: “La mia proposta è quella di mettere da parte le divisioni che ci sono a livello nazionale e far ripartire un percorso che è nel dna della nostra città. Ricordo infatti che la storia della sinistra jesina è contrassegnata da momenti di unità, in cui si è riusciti a far prevalere l’interesse generale alle divisioni interne. Quello che serve è un atto di generosità da parte di tutti, per sederci attorno ad un tavolo e lavorare per andare uniti alle prossime elezioni, qualunque sia il candidato. Noi dobbiamo rimettere al centro i problemi di una città indebolita, in cui aumentano povertà e disuguaglianza. Una città che non offre prospettive ai giovani, in cui manca una reale partecipazione. Una città in cui la politica ha smesso di confrontarsi con i cittadini e non sa più indicare un’idea, una visione a lungo termine”.

Così Giuliodori spiega la sua iniziativa: “Se dal confronto vero tra le varie forze di sinistra uscirà un nome diverso dal mio, capace di mettere d’accordo tutti, io sarò la persona più felice del mondo e mi metterò a disposizione, come sempre fatto”.

Ero Giuliodori è insegnante di scienze giuridiche ed economiche all’Istituto Tecnico Pietro Cuppari di Jesi. Ha alle spalle una lunga militanza politica e amministrativa in città. Dal 1985 al 1994 è stato consigliere comunale nelle file prima del PCI e poi del PDS. Dal 1987 al 1990 ha ricoperto il ruolo di assessore al Personale e al Traffico, dal ’92 al ’94 ha assunto la delega alla Cultura.
Di nuovo eletto in consiglio comunale nel 2002, ha avuto la delega al Personale fino al 2005, quando si è dimesso in seguito al contrasto sulla nomina e il contratto oneroso del general manager. Attualmente Giuliodori è iscritto al Pd. Per il Partito Democratico nel 2012 ha corso alle Primarie per le elezioni politiche raggiungendo un ottimo risultato a livello personale. Fa parte del direttivo provinciale dell’Anpi e dell’Istituto Gramsci Marche.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*