Unione Comuni Vallesina. Brega: " L' Unione come l'abbiamo conosciuta non esisterà più" | Password Magazine

Comuni Vallesina, Brega: “L'Unione come l’abbiamo conosciuta non esisterà più”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Si è insediato lunedì 21 luglio, con una riunione svoltasi nella residenza municipale di Maiolati Spontini, il nuovo Consiglio dell’Unione dei Comuni della Media Vallesina, l’ente che riunisce per la gestione di alcuni servizi le amministrazioni di Maiolati Spontini, Castelplanio, Castelbellino, Monte Roberto, Montecarotto, San Paolo di Jesi e Poggio San Marcello. Come primo atto, l’assemblea ha approvato il documento programmatico del nuovo presidente dell’Unione dei Comuni, Mirco Brega, sindaco di Montecarotto.

L’elezione del nuovo vertice dell’organismo, fondato nel 2003, così come della Giunta e del Consiglio dell’Unione, è avvenuta in concomitanza col rinnovo delle sette amministrazioni comunali in seguito al turno elettorale del maggio scorso. Anche per l’Unione è iniziato un nuovo mandato che durerà per cinque anni, con l’alternarsi di due presidenti. Dopo Brega, il prossimo dovrebbe essere il sindaco di Rosora, Amministrazione che ha avviato l’iter per l’ingresso come ottavo Comune dell’Unione. I passaggi burocratici dovrebbero concludersi in tempo per consentire la successione del primo cittadino di Rosora all’attuale presidente.

Al momento, l’assemblea degli eletti dell’Unione è formata da 21 componenti: due rappresentanti, uno di maggioranza e uno di minoranza, individuati fra i consiglieri comunali di ognuno dei sette Comuni, e dagli esponenti della Giunta. I 14 consiglieri dell’Unione sono Irene Bini e Silvia Vescovi per Maiolati Spontini, Massimo Costarelli e Andrea Gasparini per Castelbellino, Fabio Badiali e Alberto Cascia per Castelplanio, Aurelio Squadroni e Massimo Belli per Monte Roberto, Patrizia Bramati e Lorenzo Rossetti per Montecarotto, Alessandro Alessandroni e Mario Silenzi per Poggio San Marcello, Giulia Benigni e Daniela Radicioni per San Paolo di Jesi.

La nuova giunta dell’Unione è formata, oltre che da Brega, dai neo eletti sindaci di Maiolati Spontini Umberto Domizioli, di Poggio San Marcello Tiziano Consoli, di Castelplanio Barbara Romualdi, di Monte Roberto Gabriele Giampaoletti e di San Paolo di Jesi Sandro Barcaglioni.

Durante la seduta consiliare il presidente Brega ha illustrato al Consiglio il complesso e articolato documento programmatico, approvato a maggioranza, con l’unico voto contrario del consigliere di Montecarotto Rossetti.

Non vi è dubbio che saranno mesi cruciali – ha premesso il neo presidente – quelli in cui siamo e sono chiamato ad operare. La possiamo definire una legislatura ‘costituente’. L’Unione così come l’abbiamo conosciuta non esisterà più. Le normative ci impongono scelte difficili, complesse e al tempo stesso stimolanti: costruire una politica del territorio che superi la vecchia dimensione territoriale dei Comuni”. Il riferimento è all’attuale normativa che obbliga i Comuni sotto ai 5.000 abitanti a gestire in forma associata le funzioni fondamentali.

Oltre alla Polizia municipale e amministrativa, alla Protezione civile e al catasto, già in carico all’Unione dei Comuni, l’organismo fondato nel 2003 dovrà, quindi, gestire in forma associata anche ambiti come l’organizzazione generale dell’Amministrazione, la pianificazione urbanistica, i servizi sociali e l’edilizia scolastica. Brega ha tracciato un programma serrato, nel suo documento programmatico, che prevede da qui a dicembre una serie di passaggi per arrivare ad una nuova organizzazione del personale e degli uffici comunali. Ma non solo. “Non saremo più soltanto amministratori comunali, sindaci o assessori legati al comune di provenienza – ha detto il presidente Brega – ma saremo chiamati a diventare presto anche amministratori di un’area vasta: i sindaci, soprattutto, diventeranno anche assessori sovracomunali”. Insomma, una riforma epocale, come l’ha definita Brega, che porterà, ad esempio, alla centrale unica di committenza, ad un Piano regolatore generale per tutti i comuni dell’Unione, ad una gestione del sistema locale dei servizi sociali in convenzione con l’Asp.

Il potenziamento dell’Unione dei Comuni – ha concluso Brega – una volta consolidata l’organizzazione così come delineata, avrà raggiunto i suoi scopi se verrà concepita, da amministratori e cittadini, come una fase transitoria, verso il naturale sbocco della fusione fra i Comuni partecipanti all’Unione stessa”.

Dopo la relazione di Brega si è sviluppato un lungo dibattito, che ha portato alla luce posizioni diverse, anche alla luce della proposta di legge regionale che abbasserebbe il limite demografico per la costituzione delle Unioni comunali a 5.000 abitanti e le convenzioni a 3.000. Da qui l’ipotesi di nuovi scenari, con mini-unioni a sinistra e destra dell’Esino, che però il presidente Brega ha detto chiaramente di non auspicare. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.