"Comunicare si può": inaugurata la nuova sede A.IT.A a Jesi | | Password Magazine
Festival Pergolesi

“Comunicare si può”: inaugurata la nuova sede A.IT.A a Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Inaugurata la sede dell’Associazione A.IT.A (Associazione Italiana Afasici) a Jesi, negli spazi della Casa di Riposo “Vittorio Emanuele II” di via Gramsci, in collaborazione con ASP Ambito 9.

Il servizio di A.IT.A sarà attivo ogni venerdì dalle ore 16.00 a partire dal 30 Novembre, per un periodo sperimentale che si protrarrà fino al 21 Dicembre 2018, e sarà aperta per fini ricreativi e socializzanti per persone afasiche e per le loro famiglie. Già presente a Fano, Ancona, Pesaro e Ascoli Piceno, la sede jesina A.IT.A condivide i suoi spazi con altre associazioni volontarie quali il centro ricreativo “Divertirsi insieme” e “Caffè Alzheimer”, attivi in altri giorni settimanali: Il filo della solidarietà corre con l’unione delle associazioni, ed è bello che con questa logica anche questo spazio di A.IT.A sia condiviso. Noi istituzioni siamo dalla vostra parte” queste le parole dell’Assessore alle Politiche Sociali, Marialuisa Quaglieri.

“Sono stata contattata qualche mese fa per avviare questa collaborazione, che sarà un’ulteriore risorsa per la cittadinanza. Con la consapevolezze che le istituzioni da sole non sempre riescono a soddisfare tutte le esigenze, ben vengano queste collaborazioni. Ringrazio Daniela Bisciaio per la proposta” afferma Marta Filipponi, responsabile Unità Operativa Anziani.

La giornata inaugurativa ha avuto lo scopo di sensibilizzare, attraverso la spiegazione del Vice-Presidente A.IT.A Marche, Daniela Bisciaio, le istituzioni e l’opinione pubblica. L’afasia è un disturbo del linguaggio, dovuto a seguito di danni neurologici, e conta in Italia circa 150.000 persone, con 20.000 nuovi casi ogni anno. L’afasia lascia senza parole la persona che ne viene colpita, ma lascia senza parole anche i suoi familiari. Non si perde intelligenza o sentimento, ma si perde il codice linguistico con cui esprimerlo, e nel tempo il rischio è quello di perdere i rapporti sociali: lo scopo di A.IT.A è proprio questo: ricostruire una rete sociale persa, attraverso attività ricreative dove i soggetti afasici possono conoscere nuove persone e confrontarsi. Non solo, tramite le nostre attività si riacquista una certa autonomia in ambito famigliare!” spiega Daniela Bisciaio.

A testimonianza di questo, sono poi seguite delle testimonianze di persone afasiche, delegati del dipartimento di Ancona: hanno raccontato come il supporto, dato dalle volontarie e dalle logopediste dell’associazione, sia fondamentale per la vita di tutti i giorni, per superare la “paura del palcoscenico” attraverso attività teatrali ma non solo. Le numerose testimonianze hanno evidenziato in maniera ridondante i concetti di sostegno, amicizia, magia.

Come già accennato da queste testimonianze inoltre, Milena Panza e Maria Corinaldesi, volontarie logopediste di A.IT.A, hanno introdotto le numerose attività svolte sino ad ora: oltre al laboratorio teatrale “Recicomunicando”, che ha portato sul palco già due spettacoli teatrali, ci sono il laboratorio di musicoterapia, di cucina, la tombola di Natale e altre simili iniziative di pranzi e cene sociali, senza dimenticare di ricordare gli eventi di entità nazionale.

La giornata si è infine conclusa tramite l’attuazione di una piccola attività ricreativa che ha coinvolto tutti i presenti, realizzato da delle studentesse del Corso di Laurea di Logopedia di Torrette: il “gomitolo di idee”, così chiamato, ha già iniziato a intessere la sua rete in territorio jesino.

Per maggiori informazioni consultare il sito info.aitamarche@gmail.com.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.