Comunità bengalese jesina condanna fatti in Birmania e si prepara a manifestare | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Comunità bengalese jesina condanna fatti in Birmania e si prepara a manifestare

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Kazi Fockhrul Islam alla marcia della pace

JESI – Quasi 400 mila rifugiati rohingya in Bangladesh, oltre un terzo di questa minoranza musulmana birmana. Scappano perché l’esercito birmano brucia i loro villaggi, li massacra, stupra le donne e spara sui bambini.

In Birmania è in atto una vera e propria pulizia etnica contro i Rohingya, costretti a scappare dopo la feroce repressione dell’esercito birmano, iniziata qualche settimana fa e scatenata da una serie di attacchi dei ribelli Rohingya contro posti di sicurezza militari.

Kazi Fokhrul Islam

Il consigliere comunale straniero Islam Kazi Fokhrul, originario del Bangladesh, segue con il cuore stretto da lontano tutta la vicenda: “Ringrazio lo stato del Bangladesh che ha aperto la frontiera per queste povera gente, tra cui molte donne e bambini, torturata dai militari della Birmania – scrive a Password Islam Kazi Fokhrul – Sono da condannare questi crimini di terrorismo che sta colpendo questa popolazione sotto gli occhi di tutto il mondo”. E intanto fa sapere che insieme alla comunità bengalese jesina sta preparando una manifestazione di protesta contro i massacri e le torture per dire basta a ciò che sta succedendo in Birmania: “Lo stato ha il compito di fermare questa “pulizia etnica” ai danni dei civili e degli innocenti”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.