Comunità ucraina delle Marche: «Abbiamo bisogno di aiuto. L'Europa resti unita» | Password Magazine

Festival Pergolesi

Comunità ucraina delle Marche: «Abbiamo bisogno di aiuto. L’Europa resti unita»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  «Abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il messaggio che diamo all’Europa è quello di restare unita». Toccante il discorso Zhaklin Bachynska, presidente della Comunità Ucraina delle Marche, che questa mattina ha preso parte con un intervento alla seduta di Consiglio comunale.

«In questi cinque giorni, non abbiamo avuto tempo neanche il tempo di piangere  – ha raccontato in aula -. Da tempo lottiamo per indipendenza e libertà: sentivamo che qualcosa di grande sarebbe potuto accadere ma speravamo di no. La guerra non è scoppiata oggi. Tutto è iniziato nel 2014 con una prima aggressione della Russia ai danni del nostro Paese. Eravamo scioccati dalla presenza di militari russi sul nostro territorio, non ce l’aspettavamo. Avremmo dovuto fermarli sin da subito. Oggi siamo costretti ad organizzarci per affrontare questo attacco, anche se il nostro è un popolo pacifico, nessuno vuole la guerra». La Bachynska racconta di un’Ucraina che ha ceduto le armi nucleari in nome della Pace: «Lo abbiamo fatto nel 1991, quando ci siamo staccati dall’Urss, credendo di non averne bisogno perché fiduciosi nella pace. Così le abbiamo date alla Russia e nel 1995, a Budapest, è stato firmato il memorandum dove Usa, Regno Uniti e Urss ci hanno garantito sovranità e integrità. E nel 2014 proprio uno di questi garanti ci ha aggredito. Il mondo è rimasto impotente, anche l’Onu non ha potuto fare niente. Abbiamo cercato di risolvere in modo diplomatico, non ci aspettavamo una guerra».
La presidente della Comunità ucraina marchigiana racconta di un popolo bersagliato da bombe e sottoposto a violenza inaudita: «In un giorno hanno bombardato l’Ucraina su tutto il territorio  – spiega -. Affrontiamo un nuovo tipo di guerra che fino adesso abbiamo mai avuto, si combatte su vari fronti. Nella mia città, ad Ovest dell’Ucraina, si è venuto a scoprire che già da qualche mese, in ogni città, cellule dormienti raccoglievano informazioni in punti strategici e che con croci di vernice rossa, indelebili e chi si illuminano di notte, hanno segnato i bersagli da colpire: croci sopra tetti di palazzi, scuole, punti strategici, fabbriche, petroliere. La gente ora si sta organizzando per nasconderle con bitume o terra».

Una riflessione sui corridoi di solidarietà:  «Stiamo ricevendo tantissimi beni di necessità, non sappiamo come gestirli – riferisce la Bachynska – Stiamo mandando pulmini, sostenendo le spese di trasporto di tasca nostra. Ieri abbiamo mandato due pulmini e siamo alla ricerca di ulteriori mezzi ma mancano i soldi. Inoltre abbiamo bisogno di spazi perché la gente risponde ed è pronta ad aiutare, di volontari che potrebbero gestire raccolta, di trasporti per portare i beni al confine. Vogliamo collaborare con voi per creare una rete di collaborazione tra Croce Rossa, Caritas, Comune per fare il punto su ciò che serve e capire insieme come meglio poterci organizzare».

Infine: «Sotto attacco non è solo l’Ucraina ma l’intera Europa. Forse non tutti colgono il pericolo che sta annunciando questa guerra – spiega la presidente -. Non siamo l’unico bersaglio della Russia. Gli ucraini sono pronti a combattere, fino all’ultimo, per difendere l’Europa. Non chiediamo l’intervento della Nato, questo comporterebbe una terza guerra mondiale. Chiediamo però sanzioni durissime. E abbiamo bisogno di armi per poterci difendere. La Russia sta usando contro il nostro popolo armi di massima potenza, inferiori solo al nucleare. Aiutateci. Se non lo fermiamo noi, l’attacco non si fermerà all’Ucraina».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.