Conero e Sibillini, la Forestale al lavoro per un turismo responsabile

MONTE CONERO – Controlli speciali nella giornata di domani nelle aree più frequentate dai turisti. Sono oltre 50 gli agenti della Forestale in servizio a Ferragosto che vigileranno sulle aree protette nazionali e regionali in occasione di questo periodo clou delle vacanze. Massima attenzione da parte del Comando Stazione forestale nel Parco Naturale del Conero: controlli soprattutto nei sentieri molto frequentati dai turisti ed in quelli che permettono di raggiungere le spiagge della riviera recentemente oggetto di atti vandalici, che ne hanno danneggiato la segnaletica precedentemente rinnovata. Si presterà inoltre particolare attenzione anche alla sosta selvaggia dei veicoli, che in molti casi impediscono l’accesso alle piste forestali o agli idranti indispensabili per il servizio antincendi boschivi. Numerose in questi giorni le segnalazioni di sospetti maltrattamenti di animali pervenute alla Centrale Operativa Regionale della Forestale, aperta tutto il giorno (numero di emergenza 1515) ed opera in costante raccordo con i funzionari di turno in ogni provincia e nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

Nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini sono impegnate circa 7 pattuglie al giorno nel periodo con maggiore afflusso turistico. Tra gli obiettivi più sensibili quelle aree di particolare valore naturalistico: la Valle del Lago di Pilato e il Piano della Gardosa nel comune di Montemonaco (AP), la Valle dell’Infernaccio nel comune di Montefortino (FM), il Lago di Fiastra (MC), il Monte Bove nel comune di Ussita, i Piani di Castelluccio (PG). Controlli mirati alle attività escursionistiche che potrebbero arrecare danni all’ambiente e disturbo alla fauna selvatica (in particolare il Camoscio  appenninico, introdotto recentemente nella valle del Monte Bove).

La Forestale richiede la collaborazione di tutti i visitatori per una fruizione responsabile del Parco e si raccomanda in particolare di non allontanarsi dai sentieri, non accendere fuochi, non introdurre cani nelle aree interdette ed evitare schiamazzi e rumori intensi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*