Confartigianato: "Aumentano i fallimenti in Vallesina, 37 cessazioni in un anno" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Confartigianato: "Aumentano i fallimenti in Vallesina, 37 cessazioni in un anno"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – Il 2014 è stato un anno nero per le imprese della Vallesina – dichiara Giuseppe Carancini, Segretario Confartigianato Jesi – le difficoltà connesse alla crisi si sono acutizzate e molte aziende hanno dovuto arrendersi: in 37 hanno dichiarato fallimento, 10 attività in più rispetto al 2013 quando furono in 27 a rassegnare i libri contabili. Di peggio in peggio, l’anno appena trascorso ha segnato un ulteriore peggioramento delle condizioni economiche delle imprese e non si sono concretizzate le già deboli potenzialità di ripresa.

Di queste 37 imprese fallite nel 2014, 24 sono localizzate nel solo Comune di Jesi, ovvero ben più della metà – continua Carancini della Confartigianato –  I comparti tendenzialmente più colpiti sono ancora l’edilizia e gli impianti, e di riflesso le varie attività collegate al sistema casa, dalle agenzie immobiliari ai negozi di arredamento; confermate le difficoltà del settore dell’autotrasporto, con il fallimento di diverse aziende di trasporto merci e di logistica; si verificano inoltre fallimenti di attività di servizi alle imprese.

Non si sono verificate nel 2014 le condizioni necessarie alla ripresa, prima tra tutte aver liquidità a disposizione – sottolinea Carancini della Confartigianato – per continuare a lavorare e dare lavoro; per resistere e ripartire. Le aziende della Vallesina soffrono di una cronica carenza di risorse, che si trascina dai primi anni della crisi. Tasse, spese di gestione, burocrazia, ritardi nei pagamenti e  costo del lavoro hanno eroso i capitali aziendali fino all’osso. Molti imprenditori per non chiudere hanno addirittura attinto ai risparmi familiari, altri si sono purtroppo indebitati, e tutto questo non è comunque bastato. Senza liquidità, le imprese sono impossibilitate a investire, ad innovare, ovvero non sono in grado di mettere in atto proprio quelle azioni che potrebbero aprire uno spiraglio alla ripresa della capacità produttiva. E, dopo aver resistito a lungo, con ogni mezzo, sono costrette a chiudere.

Servono risposte – conclude Giuseppe Carancini, Segretario Confartigianato Jesi – Noi chiediamo alle Istituzioni tutti quegli strumenti che realmente possono invertire la tendenza in atto e garantire la rinascita dell’economia nella Vallesina: accesso al credito facilitato per le micro e piccole imprese, incentivi per chi non delocalizza, dare lavoro alle aziende del territorio, interventi che valorizzino l’offerta produttiva delle aziende artigiane.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.