Confartigianato: "Il vecchio ospedale demolito al più presto" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Confartigianato: "Il vecchio ospedale demolito al più presto"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’Ospedale di Viale della Vittoria va demolito al più presto; al suo posto, meglio una piazza con parcheggio e spazi culturali. Questo quanto proposto dalla Confartigianato di Jesi. “Condividiamo la posizione dell’Amministrazione Comunale. La struttura va abbattuta. Riteniamo però opportuno che si proceda quanto prima – ribadisce Giuseppe Carancini Segretario cittadino della Confartigianato –  per evitare che la città debba sostenere oltre il disagio causato dalla presenza di plessi abbandonati e fatiscenti. Va salvaguardata al contrario la parte storica dell’edificio, di età settecentesca, che potrà essere la base di partenza per una azione di recupero e restyling dell’intera area. Consideriamo strategico per il rilancio del centro cittadino poter mettere mano quanto prima possibile alla riqualificazione di questo spazio.

Al posto del vecchio ospedale infatti proponiamo che sia realizzata una piazza con parcheggio, che funga da connessione tra Viale della Vittoria e un Corso Matteotti pedonalizzato. La sezione settecentesca dello stabile potrà essere invece utilizzata quale spazio e/o contenitore culturale per attività di promozione del territorio e dell’identità storica cittadina – continua Carancini della Confartigianato – Un punto di congiunzione ideale tra il passato e il presente di Jesi che possa essere al tempo stesso un biglietto da visita di pregio per il turista o per il visitatore che si accinga a entrare nel centro storico. Questa è la nostra proposta di restyling per l’area del vecchio ospedale, una volta che si sia addivenuti – quanto prima – alla sua demolizione.

L’ottimizzazione della connessione tra zone residenziali limitrofe e centro urbano  – conclude Giuseppe Carancini, Segretario Confartigianato Jesi –  la realizzazione di parcheggi a ridosso dell’area del centro storico, il potenziamento dei servizi di trasporto pubblico, la maggiore flessibilità degli orari per l’accesso a musei, biblioteche, teatro, e la creazione di luoghi di aggregazione per ospitare giovani e meno giovani in attività ricreative, culturali e/o associative sono alcune delle ulteriore azioni strategiche che possono essere poste a regime per la rivitalizzazione del centro.

Comunicato da: Confartigianato Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.