Ciclabile di quartiere, incontro pubblico di fuoco | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Ciclabile di quartiere, incontro pubblico di fuoco

JESI –  Presentato ieri sera, presso la Sala Ex II Circoscrizione di Via San Francesco, il progetto sulla nuova “ciclabile di quartiere”. Un incontro pubblico illustrativo di confronto tra cittadini e Comune, che ha riempito la sala e raccolto il malcontento e le perplessità dei molti cittadini, abitanti delle zone interessate.

Un nuovo tratto di pista ciclabile che si estende per 3,67 Km nelle zone di Via Tabano in entrambe le carreggiate, Viale M.L. King in entrambe le carreggiate, la zona del Palazzetto dello Sport “E.Triccoli”, Via Paladini, Via Amici , con un percorso ciclabile che sostituirà probabilmente il marciapiede, Viale Verdi e la bretella interna di tra Via San Francesco e Via Solazzi, includendo quindi anche la zona del Liceo Scientifico e arrivando fino a Viale Cavallotti, in collegamento con gli altri nodi ciclabili, per creare quindi una capillarità e un proseguimento dei tratti ciclabili.

Il progetto, presentato all’interno del più ampio Biciplan, intrapreso nel territorio comunale dal 2014, è realizzato e approvato seguendo un Bando istituito dal Ministero dell’Ambiente per la realizzazione di alternative all’uso dell’automobile: “Il Comune ha posto un focus su quelli che sono gli spostamenti casa-scuola, che creano molto traffico” spiega Cinzia Napolitano, Assessore alla Mobilità.

“Ci stiamo pertanto orientando, in questa logica, non solo alla realizzazione del nuovo tratto di ciclabile, ma anche al miglioramento del Pedibus, che coinvolge i bambini delle elementari, e l’istituzione di un Bicibus per i ragazzi delle medie, per un’ulteriore riduzione delle auto. Inoltre, è in programma anche la realizzazione di un software per programmare i trasporti dei ragazzi più grandi, una specie di carpooling, per ammortizzare l’uso delle auto” aggiunge.

Il progetto, come spiegato dall’ architetto Matteo Cinti, che si occupa di mobilità sostenibile al Comune di Jesi, durerà 3 anni e coinvolgerà, oltre a Jesi, anche i comuni di Moie, Falconara, Chiaravalle, Agugliano, Maiolati Spontini, Monsano e Polverigi. Il Comune beneficerà di un finanziamento di 345.000per la realizzazione di questo tratto ciclabile e per la costruzione di un parcheggio compensatorio che sorgerà in Via Paladini, che accoglierà circa 40 posti auto.

I progettisti, gli architetti dello Studio BRAU, tra i quali l’Architetto Battistelli, hanno illustrato ampiamente, con planimetria alla mano e grafici esplicativi, come verrà realizzato il tratto ciclabile, spiegando che con il finanziamento non solo verrà curata la manutenzione del manto stradale dei percorsi ciclabili interessati, ma verranno aggiunti, per esempio in Viale M.L. King, dei cordoli di divisione di circa 50 cm, e regolamentati, attraverso apposite strisce, i parcheggi lungo la via.

Nonostante questo, l’appello dei cittadini, residenti in queste zone, segue unanime giudizio, quello cioè che la realizzazione di un nuovo tratto ciclabile sia pressochè inutile, e non di giovamento per il normale passaggio delle auto.  Numerose le testimonianze hanno messo in luce lo stato di scarsa manutenzione dei tratti ciclabili in Via degli Appennini, in Via Grecia, Via 24 Maggio, dove le strisce relative alla segnaletica orizzontale non sono più ben visibili. Oltretutto, ulteriori questioni sollevate si riferiscono alla scarsa visibilità scaturita dalla presenza della pista ciclabile, uscendo dai passi carrabili, e di un mancato controllo della viabilità nei tratti interessati. Ulteriore perplessità poi, per i collegamenti ciclabili in prossimità e nell’attraversamento delle rotatorie, punto ancora non preso in analisi perché previsto in un progetto ad hoc.

“Noi pensiamo di dare un valore aggiunto con questo progetto, il cui piano specifico non è ancora stato approvato, e non di togliere qualcosa. Quello che deve cambiare in città è la mentalità: il futuro deve essere sostenibile”  conclude, in una clima acceso di discussione, l’assessore Cinzia Napolitano.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.