Consegnato a Jesi il titolo di "Città della Cultura Marchigiana 2018" | Password Magazine

Consegnato a Jesi il titolo di “Città della Cultura Marchigiana 2018”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è svolta questa mattina, presso l’aula consiliare, la cerimonia utile a conferire il titolo di “Citta Marchigiana della Cultura 2018” al comune di Jesi. Il tutto alla presenza dei membri dell’associazione culturale marchigiana Le Cento Città, del sindaco Massimo Bacci affiancato da quasi tutta la giunta, in primis dall’assessore alla cultura Luca Butini, e da alcuni consiglieri.

Il presidente dell’associazione, Giorgo Rossi, ha voluto ricordare le parole del direttore della Galleria Nazionale delle Marche Dr. Peter Aufreiter pronunciate durante l’inaugurazione del Museo Archeologico “In cinque mesi ho inaugurato due musei a Jesi, ora basta altrimenti gli altri comuni diventano gelosi”. Successivamente, tra le motivazioni che hanno portato a questo riconoscimento, ha menzionato l’imponente cinta muraria ben conservata, il palazzo della Signoria, il Teatro Pergolesi, Palazzo Pianetti, l’apertura dell’Istituto Marchigiano Enogastronomico, le diverse belle realtà associative molto vivaci, concludendo con i complimenti per la guida saggia e lungimirante della città da parte dell’amministrazione.

Il sindaco Massimo Bacci ha voluto ricordare gli sforzi fatti per la realizzazione di diverse strutture, non solo musei ma anche gli impianti di risalita, la nuova Salara e il mercantini gratuito. Ha sottolineato come la necessità di collaborare col privato ormai è più che consigliabile e come la regione debba unire le diverse identità, per creare sinergie utili a valorizzare tutto il territorio regionale. Ha chiuso il suo discorso con i positivi dati sul turismo che vede una presenza dal nord europa raddoppiata nell’ultimo periodo.

A seguire l’intervento dell’assessore alla cultura Luca Butini che ha visto protagonisti ancora una volta le tante inaugurazioni e iniziative di successo di questi ultimi anni, attività che “non sempre danno magari subito dei risultati ma investono nel futuro”.
Far sentir propri, di tutti, i luoghi d’interesse della città in modo che i cittadini li difendano e promuovano naturalmente è un altro obiettivo. In chiusura ha menzionato la collaborazione con i musei delle zone terremotate. Jesi si è resa disponibile ad ospitare le loro opere e i loro dipendenti per un interscambio che aiuti a non far cessare le loro attività.

Per ultimo ha preso la parola l’ing. Mauro Magagnini, definito non uno storico jesino ma uno jesino storico. Il suo lungo intervento sulla “jesinità” è stato molto sentito e personale, fino alla commozione quando ha ricordato i suoi familiari. Menzione per Valeria Moriconi per cui si augura l’apertura di un museo dedicato.  Racconta poi come i primi sintomi di una Jesi futura grande città partirono dal medioevo, dalla nascita di Federico II. Da quel momento un grande sviluppo ha coinvolto il territorio e le successive mura ne sono una testimonianza. Il vero slancio poi è iniziato a fine del 1800, fino alla nascità dell’appellativo di piccola Milano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.