Consulta delle Donne, discusso il regolamento | Password Magazine
Festival Pergolesi

Consulta delle Donne, discusso il regolamento

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Marisa Campanelli, foto d'archivio

JESI – Consulta delle Donne, pronto il regolamento. La bozza è stata discussa mercoledì pomeriggio in sede di un incontro, avvenuto in via telematica, richiesto dall’assessore alle Pari Opportunità Marisa Campanelli con i consiglieri e le consigliere di maggioranza e minoranza insieme alle rappresentanti delle associazioni femminili del territorio.

Dopo diversi tavoli di lavoro e discussioni arrivate anche in Consiglio comunale, si torna al confronto intorno alla proposta di regolamento che disciplina il nuovo organismo consultivo e propositivo che opererà anche nell’ambito delle Pari Opportunità. Ne potranno far parte anche gli uomini, l’adesione è aperta «indipendentemente dall’appartenenza sociale, etnica, politica e religiosa». Basterà compilare un modulo per poter chiedere la partecipazione alle attività finalizzate a promuovere la cultura della parità di genere. Prevista un’assemblea generale e un consiglio direttivo, presieduto dal sindaco, assessore o da un suo delegato, due consiglieri (uno di maggioranza e uno di minoranza indicati dal Consiglio) e sei componenti indicati dall’assemblea.

«Da tempo si lavora alla costituzione di un organismo che operi nell’ambito delle Pari Opportunità – fa sapere l’assessore Campanelli -. Dopo aver ascoltato tutte le proposte, lavoreremo per arrivare a una condivisione del regolamento più allargata possibile». Tuttavia, non tutti hanno accettato la bozza di regolamento arrivata sul tavolo. Le consigliere di minoranza Emanuela Marguccio (PD) e Agnese Santarelli (Jesi in Comune) da tempo chiedono unitamente ad alcune associazioni al femminile l’istituzione di un Consiglio e non di una Consulta delle Donne, in quanto «espressione di libertà e democrazia».Per la Marguccio «La Consulta deve essere più libera possibile, altrimenti non ha senso di esistere».
La Santarelli ha sollevato poi perplessità sulla partecipazione degli uomini «perché l’esigenza è di un organismo di  battaglia delle donne e per le donne». Ma per le consigliere di maggioranza Maria Chiara Garofoli (JesInsieme) e Lorenza Fantini (Jesiamo) invece «la Consulta ha piena rappresentanza», «è strumento non di lotta ma di dialogo e collaborazione, la presenza degli uomini un segnale di democrazia». E in effetti al dibattito sono intervenuti non solo consigliere ma anche consiglieri: per Matteo Baleani (Jesiamo) «è stato seguito un percorso partecipativo e moderno che include donne e Pari Opportunità».

La Campanelli ha ribadito l’importanza di ascoltare ogni opinione: «Valuteremo ogni suggerimento, nella consapevolezza che è necessario avviare la Consulta quanto prima».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.