Conte illustra la Fase 2: ecco cosa cambia (e cosa no) dal 4 maggio | Password Magazine

Conte illustra la Fase 2: ecco cosa cambia (e cosa no) dal 4 maggio

Il nuovo DPCM sarà valido dal 4 maggio e resterà in vigore per due settimane

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Conte ha annunciato la Fase 2. Partirà il 4 maggio e prevede nuove misure per contenere il rischio del contagio da coronavirus.

«Ci aspetta una sfida complessa, molti di voi vorrebbero un allentamento delle misure e potremmo agire anche negativamente a questa fase con rabbia e risentimento – sono le parole del premier Conte -, oppure possiamo pensare a cosa ciascuno di noi può fare per consentire una ripresa».

La fase 2 è quella in cui si dovrà convivere col virus, perciò saranno necessarie ancora dispositivi precauzionali individuali. Le disposizioni del nuovo DPCM saranno valide dal 4 al 18 maggio.

Mascherine. Sarà fissato «un prezzo di mercato delle mascherine», annuncia Conte per evitare speculazioni. «Sarà stabilito un prezzo giusto ed equo – spiega il premier – che preveda una remunerazione dei costi e anche un piccolo margine di guadagno ma non consentiremo altro. La cifra sarà intorno a 0,5 euro per le mascherine chirurgiche». Il governo, inoltre, si impegna a tagliere l’Iva su questo presidio di sicurezza.

Spostamenti, visite ai parenti e altre novità dal 4 maggio

Con il nuovo Decreto sarà possibile spostarsi all’interno della propria regione sempre e solo per motivi comprovati (esigenze lavorative, motivi di salute, di necessità) cui vengono aggiunti anche spostamenti mirati per far visita a congiunti. Le visite dovranno essere mirate e fatte con divieto di assembramento, nel rispetto comunque delle distanze e mascherina. Vietati party o ritrovi di famiglia. Non sarà possibile spostarsi in altre regioni, tranne che per motivi urgenti di salute o di lavoro. Sarà consentito tornare alla propria residenza o domicilio. L’autocertificazione resta. Per chi presenta sintomatologia da infezione respiratoria e febbre con febbre superiore ai 37,5 avrà l’obbligo di restare nel proprio domicilio, limitare al massimo contatti sociali e avvertire il medico curante.  Si potranno celebrare funerali, alla presenza di non più di 15 persone, con mascherine e distanti e sempre rispettando la distanza di sicurezza.

Restano divieti di assembramenti in luoghi pubblici e privati, non consentiti i party. Sì all’accesso a parchi, ville e giardini pubblici purché si rispetti le distanze interpersonali e si evitino assembramenti, con possibilità per i sindaci di ordinarne la chiusura qualora non venissero rispettati tali vincoli. Consentita l’attività sportiva e motoria anche allontanandosi dal proprio domicilio, mantenendo la distanza di due metri (per le attività più dinamiche) o un metro (per tutte le altre forme di attività sportiva).

Chi riapre dal 4 maggio. Dal 4 maggio consentita attività di ristorazione con asporto ma non assembramenti. Delle attività produttive riaprono settore manifattura, delle costruzioni e commercio all’ingrosso funzionale. Dal 18 maggio potranno riaprire le attività di vendita al dettaglio, quindi i negozi ma anche le mostre, le biblioteche e i musei. Per quanto riguarda bar, ristoranti e attività di «cura della persona» come parrucchieri, centri estetici e così via si dovrà invece attendere 1 giugno.

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.