Conte: «Non manderemo la polizia a casa ma serve responsabilità in questa fase» | Password Magazine
Festival Pergolesi

Conte: «Non manderemo la polizia a casa ma serve responsabilità in questa fase»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

«Non manderemo forze di polizia a casa ma responsabilità in questa fase». Così il premier Giuseppe Conte ha parlato in diretta alla Nazione, dopo la firma del nuovo Dpcm avvenuta la scorsa notte, pensato per affrontare la nuova fase di pandemia: «La curva epidemiologica sta risalendo in tutta Europa – spiega il capo del Governo -, l’Italia è al momento in una condizione migliore ma non possiamo abbassare l’attenzione.

«Variamo le nuove misure, convinti che con sacrificio potremmo adeguatamente affrontare questa fase.  Obiettivo evitare di far ripiombare il Paese nel lockdown generalizzato e preservare l’economia, il tessuto produttivo e allo stesso tempo la salute».

Il premier ha riepilogato le regole più importanti: obbligo di portare con sé e indossare la mascherina anche all’aperto a meno che non ci si trovi in isolamento continuo; assumere comportamenti più corretti anche nelle abitazioni «perché – specifica – stiamo assistendo a un innalzamento della curva dei contagi dovuti a dinamiche familiari e amicali. Quindi, indossare la mascherina quando si è in presenza di qualcuno di più fragile o si ricevono ospiti a casa, sopratutto se persone non conviventi». L’invito è limitare il numero di ospiti a non più di 6 e non svolgere feste nelle abitazioni private in quanto «situazioni insidiose». E aggiunge:

«Non manderemo in casa le forze di polizia, la sfera privata va tutelata ma vanno assunti comportamenti prudenti».

E poi stretta sulla movida, con bar, ristoranti, pasticcerie e pizzerie chiuse a mezzanotte e divieto di consumare in piedi all’aperto fuori dai locali, per evitare assembramenti, si potrà solo consumare ai tavoli. Restano chiuse le discoteche e sale da ballo, vietate feste nei locali pubblici a meno che non siano collegate a cerimonie civili e religiose ma con limite di trenta persone. No gite scolastiche, no partite di calcetto o basket amatoriali.

«Ci rendiamo conto del sacrificio – conclude il premier – ma dobbiamo rispettare le regole ed essere responsabili nelle prossime settimane».

1 Commento su Conte: «Non manderemo la polizia a casa ma serve responsabilità in questa fase»

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.