Continua a circolare con motorino sequestrato, denunciato. Dovrà anche pagare 1.800 euro | | Password Magazine

Continua a circolare con motorino sequestrato, denunciato. Dovrà anche pagare 1.800 euro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FALCONARA MARITTIMA –  Doveva restare parcheggiato ad Ancona perché sequestrato, invece un vecchio motorino Jiangmen del 2007 è stato ritrovato a Falconara, con il sigillo di sequestro amministrativo dentro il vano portaoggetti. Quel viaggio clandestino di 10 chilometri con tutta probabilità comporterà la revoca della patente a un 57enne residente nel capoluogo, che dovrà anche pagare una multa di 1.800 euro e affrontare un procedimento penale per aver rimosso il sigillo. Per l’incauto proprietario dello scooter quello passato è stato davvero un martedì nero. Gli agenti della polizia locale di Falconara hanno infatti ritrovato il ciclomotore parcheggiato lungo la Flaminia, in zona Disco. Lo scooter risultava senza copertura assicurativa dal luglio scorso e sono stati gli stessi agenti a ritrovare il sigillo di sequestro, accartocciato, nel vano portaoggetti anteriore. Proprio perché non assicurato, il motorino era già stato sequestrato il 25 ottobre scorso ad Ancona dagli agenti della polizia locale del luogo. Il proprietario, residente nel capoluogo avrebbe dovuto tenerlo in custodia in un’area privata e, per ricominciare a usarlo, entro 60 giorni dal sequestro avrebbe dovuto pagare una sanzione di 868 euro e rinnovare l’assicurazione per almeno sei mesi. Trascorso quel termine senza alcuna azione da parte del 57enne, per lo scooter di produzione cinese sono state avviate le pratiche per la confisca. Il proprietario si trova ora ad affrontare conseguenze amministrative e penali: la Prefettura di Ancona, su annotazione della polizia locale di Falconara,  disporrà, come previsto per legge, la revoca della patente e un nuovo sequestro, ma stavolta lo scooter sarà acquisito alla proprietà dello Stato e scatterà l’alienazione del bene. Il 57enne anconetano dovrà anche pagare, come già accennato, una multa di 1.800 euro e sarà deferito all’Autorità Giudiziaria per la rimozione del sigillo di sequestro amministrativo. L’operazione è scattata nell’ambito dei controlli del territorio disposti dal Comando falconarese. E’ stata invece una segnalazione dei residenti a portare gli agenti di polizia locale fino a Castelferretti: i cittadini hanno segnalato la presenza di una Ford Focus parcheggiata da tempo nell’area di sosta della stazione, dirimpetto all’aeroporto. L’auto, con targa inglese, è apparsa abbandonata da tempo, con le portiere aperte e le ruote sgonfie, per questo è stata rimossa come previsto dal Codice della Strada relativamente alle cautele da adottare durante la sosta. Stando a quanto riferito dai residenti, il veicolo era utilizzato da una famiglia che da tempo non vive più vicino alla stazione di Castelferretti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.