Controlli Polizia stradale, un arresto e due denunce

JESI  – Gli agenti del Distaccamento della Polizia Stradale di Jesi, guidati dal Comandante Ispettore Superiore Stefano Ortolani, hanno arrestato e denunciato ieri due cittadini stranieri di nazionalità marocchina ed irachena perché non in regola con le norme in materia di soggiorno sul territorio nazionale e per aver fornito false generalità a pubblico ufficiale.

Erano circa le 5.15 di ieri, quando all’altezza dello svincolo di “Jesi-Est”, lungo la SS76 direzione Fabriano, gli agenti del Distaccamento Polizia Stradale di Jesi, nel corso dei servizi di vigilanza e pattugliamento posti in essere sulla superstrada, rintracciavano due uomini mentre camminavano nella stessa direzione di marcia.Queste risultavano prive di identità e dichiaravano di essere cittadini iracheni, compilando entrambi una scheda identificativa plurilingue che sottoscrivevano. Dalle relative schede, i due cittadini stranieri dichiaravano di chiamarsi T.R., nato in Iraq nel 1° marzo del 1998, e E.B. A, nato il 5 maggio del 2000, pertanto si dichiaravano entrambi minorenni.

Successivamente accompagnati in questura di Ancona e sottoposti ad accertamenti foto-dattiloscopici, si riscontrava che il sedicente T.R. era in realtà maggiorenne, sotto l’alias di E.T.C., nato il 10.02.1987 in Marocco, e che risultava già gravato da un Decreto di Espulsione emesso dal Prefetto di Belluno e successivamente eseguito dal personale del centro di identificazione ed espulsione di Ponte Galeria a Roma nel 2006, con accompagnamento alla frontiera aeroportuale di Roma Fiumicino.

Pertanto, alla conferma documentata dell’avvenuta espulsione del cittadino straniero, lo stesso veniva tratto in arresto in quanto inottemperante al divieto di reingresso sul territorio nazionale e false dichiarazioni sull’identità o qualità personali. Nel contempo il secondo cittadino straniero – E.B.A. – dichiaratosi anch’egli minorenne, è stato accompagnato presso l’Ospedale Salesi di Ancona, dove è stato sottoposto ad esami auxologici, all’esito dei quali il medico riscontrava che l’età ossea era compatibile con un’età anagrafica era  superiore a 18 anni. Stante quanto appreso, rientrati nei locali della Questura, il sedicente E.B.A. compilava scheda identificativa ulteriore in lingua araba, in cui dichiarava di essere tale E.O.A. nato in Iraq nel 1997 e pertanto maggiorenne; nella circostanza, veniva emesso dal Prefetto di Ancona un decreto di espulsione nei suoi confronti e denunciato all’Autorità Giudiziaria per false generalità a pubblico ufficiale. Nella mattinata di oggi, dopo l’udienza di convalida dell’arresto di E.T.C.  tenutasi presso il Tribunale di Ancona, il Giudice disponeva una nuova espulsione, immediatamente eseguita mediante accompagnamento al Centro di Identificazione e di Espulsione di Torino in attesa dell’effettivo rimpatrio.

 

 

1 Commento su Controlli Polizia stradale, un arresto e due denunce

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*