Convegno Nazionale ANLAIDS 2016, per tre giorni Ancona capitale della lotta all'AIDS

ANCONA  – Il XXIX Convegno Nazionale Anlaids (Associazione Nazionale per la Lotta all’AIDS) quest’anno si terrà ad Ancona, per la prima volta nelle Marche, dall’1 al 3 dicembre prossimi all’Auditorium della Mole Vanvitelliana.

Per l’occasione sarà avviata con due giorni di anticipo rispetto al calendario nazionale la Campagna UN BONSAI PER ANLAIDS 2016, che vedrà ad Ancona la preziosa collaborazione di UBI, Unione Bonsaisti Italiani, delegazioni di Jesi ed Ancona.

Ancona per quei giorni sarà la capitale italiana della lotta all’AIDS.

Anlaids è una Onlus attiva in Italia da oltre trent’anni nella prevenzione dell’infezione da HIV/AIDS, nel sostegno alle persone che vivono con HIV ed alle loro famiglie, nel supporto alla ricerca. Da sempre collabora con le Istituzioni nazionali, regionali e territoriali, è rappresentata all’interno della Consulta delle Associazioni per la lotta contro l’AIDS del Ministero della Salute.

Il programma presenta alcuni aspetti innovativi; prevede infatti di trattare, al di là di quelli più tradizionali – l’attuale quadro epidemiologico, le misure di prevenzione, le terapie correnti e future – temi quali la responsabilità individuale e collettiva, gli aspetti medico legali, le nuove strategie di offerta del test HIV rapido, le tante sfide da vincere – non più solo scientifiche ma piuttosto educative, culturali, sociali, politiche – per giungere finalmente al contenimento dell’epidemia.

Una novità è la ricerca di un diverso coinvolgimento del Medico di Medicina Generale, in qualche modo escluso da questo genere di iniziative negli anni più “caldi” dell’epidemia, per riportarlo ad un ruolo centrale nella prevenzione e nella diagnosi precoce dell’infezione da HIV. Con gli strumenti diagnostici e terapeutici di oggi e con una nuova strategia di approccio è infatti possibile compiere un salto di qualità!

Ad un Avvocato e ad un Medico Legale spetterà di affrontare il delicato tema della responsabilità individuale della persona con HIV nei confronti del partner. L’argomento è di quotidiana attualità in un ambulatorio HIV, ma diventa dirompente ed assume purtroppo contorni quasi solo scandalistici quando i media se ne appropriano (ultimo il caso del cosiddetto “untore” romano alcuni mesi fa), con effetti prevalentemente negativi sulla popolazione ed a volte drammatici per le persone che vivono con HIV.

Fra i relatori anche giornalisti, dunque, proprio perché una corretta informazione non può che coinvolgerli da protagonisti.

Zero nuove infezioni da HIV, questo uno degli obbiettivi della lotta all’HIV/AIDS sul piano internazionale. Riteniamo che lo si possa raggiunge solo attraverso l’alleanza fra diverse componenti che vadano ad affiancare quella medico scientifica; per questo motivo Costruiamo Alleanze è la dichiarazione d’intenti del nostro Convegno. A che punto siamo su questa strada? I dati epidemiologici italiani relativi al 2015, che saranno illustrati nella conferenza stampa del 1 dicembre alle ore 14.30 alla Mole Vanvitelliana, mostrano una lieve diminuzione sia del numero delle nuove diagnosi di infezione da HIV che dell’incidenza (casi/popolazione), posizionando l’Italia al 13° posto fra i Paesi dell’area europea (al 12° nel 2014). Fanno eccezione a questo andamento i maschi che fanno sesso con maschi (MSM), fra i quali si registra la maggior parte delle nuove diagnosi. Negli ultimi anni rimane invece costante la quota delle persone con una nuova diagnosi di infezione da HIV in fase clinica avanzata, vale a dire persone che giungono tardi alla diagnosi ed hanno dunque meno opportunità per curarsi tempestivamente e più possibilità di trasmettere inconsapevolmente il virus.

Il 2 dicembre la giornata è dedicata ai lavori congressuali, con accreditamento ECM per Medici ed Infermieri. Oltre a Medici Specialisti, Medici di Medicina Generale, Farmacisti, persone che vivono con HIV, saranno fra i relatori anche giornalisti, industriali, sindacalisti, avvocati, genitori, insegnanti, politici. Confidiamo dunque nella partecipazione anche di persone che mai avrebbero pensato di andare ad un Convegno sul tema HIV/AIDS. Persone alle quali chiederemo di tornare (o iniziare) ad informarsi sui temi che ci sono a cuore, perché della loro collaborazione abbiamo bisogno per diventare ancora più efficaci nella prevenzione, nella lotta alla discriminazione, nella diagnosi precoce, nell’accesso alle cure.

Sabato 3 dicembre è il giorno di: Tabù, da Adamo ed Eva ai Social: sfata i falsi miti sul sesso ed AMA SICURAMENTE, un evento rivolto a studenti e giovani costruito insieme a Caritas Diocesana Ancona, come Anlaids attiva nelle scuole. Fra gli ospiti la rapper Barbara Coen che presenterà il video musicale “Orizzonte”, realizzato attraverso il Progetto Scuola di Anlaids Nazionale dello scorso anno. Sarà una mattinata frizzante ed interattiva; il giornalista Maurizio Socci condurrà il confronto fra studenti ed esperti; chiunque, rispondendo in diretta via WattsApp alle domande poste dal palco, potrà essere protagonista e dare la possibilità alla propria scuola di concorrere all’attribuzione di premi. Sarà inoltre possibile, attraverso un’apposita cartolina,  formulare domande in via riservata che avranno risposta immediata dal palco o via Facebook nei giorni successivi.

L’obbiettivo che si vuole raggiungere è aumentare la consapevolezza che il sesso può essere bello ed anche sicuro, che l’AIDS è più silenziosa ma non è scomparsa, che è cambiata ma non è sconfitta, che una persona con HIV può avere una vita normale, ma che evitare l’infezione è meglio!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*