Coordinamento Donne Jesi, l'impegno nella lotta alla violenza e gli stereotipi di genere

JESI – Gli stereotipi per quel che riguarda la violenza di genere sono duri a morire: è quanto emerso dall’intervento di ieri in Consiglio comunale del Coordinamento donne di Jesi, invitato dal presidente Daniele Massaccesi ad illustrare le attività sul territorio. Un sondaggio Istat rivela che 5 maschi su 10 non vedono problemi ad alzare le mani sulla fidanzata e che 2 femmine su 5 sono sicure che certi ceffoni siano un gesto d’amore e virilità. È ancora l’Istat a dirci che il 10,6% delle italiane ha subìto violenze sessuali prima dei 16 anni”.

“L’organizzazione, comunicazione e valorizzazione di iniziative educative contro la violenza e le differenze identitarie sono tra le principali attività dal Coordinamento Donne, sempre più vicino alla città  – ha dichiarato Barbara Traversi, esponente del gruppo – Oltre ad interfacciarsi con numerose realtà del territorio di donne e per le donne, il Coordinamento sta reclutando al proprio interno anche uomini: nella difesa dei diritti non devono esserci differenze di genere e identità e la partecipazione è sempre un ottimo strumento per ottenere risultati”.

Apprezzato l’intervento anche di Elezi Lindita della Commissione Pari Opportunità della Regione Marche, seguito dalla relazione della professoressa Rita Armati (Coordinamento Donne) che ha illustrato  come un cattivo uso e abuso dei nuovi media sia responsabile di casi di bullismo contro le giovani donne: “In rete, gli adolescenti sono ormai abituati a leggere e a subire offese e denigrazioni da parte di coetanei – ha detto –  Si abbassa tra gli 11 ai 14 anni l’età delle giovanissime che sperimentano la violenza del “primo amore”: gli studi condotti da Telefono Azzurro e Doxa tra 1.500 adolescenti italiani affermano che il 10%  ha amici ricattati da “fidanzatini” in possesso di loro foto o video compromettenti.  Sui social network, si diffondono a macchia d’olio le molestie nei confronti di vittime molestate e vessate con immagini o filmati, imbarazzanti o troppo spontanei, pubblicati in internet o trasmesse via cellulare: si parla allora di cybermobbing”.

Perché la violenza non è solo quella fisica ma anche quella psicologica ed economica, come ha spiegato Maria Traclò, responsabile della Casa delle Donne e Sportello Anti-Violenza: “La violenza domestica si esprime sotto varie forme e per mano di una persona di cui la vittima si fidava: il padre, il marito, il compagno. Si parla di violenza economica quando un uomo priva la compagna del proprio stipendio e le sottrae così il diritto di autonomia e indipendenza”.

Negli ultimi anni è cresciuto il numero delle donne che si sono rivolte allo Sportello Anti Violenza: nel 2015 35 quelle prese in carico. “Questo dato rappresenta per noi un successo perché significa che, anche lentamente, le vittime di maltrattamenti stanno uscendo dal silenzio. Denunciare il partner per violenza è sempre un atto di grande coraggio ma grazie al protocollo “Codice Rosso” attivo sul territorio è possibile offrire, attraverso una rete di servizi, piena assistenza alle donne che chiedono aiuto in questo difficile percorso di uscita, nel rispetto della riservatezza e dell’anonimato”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*