Coppa Italia, la Jesina passa ai rigori (4-2) ma la Sangiustese ne sbaglia 4 di fila | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Coppa Italia, la Jesina passa ai rigori (4-2) ma la Sangiustese ne sbaglia 4 di fila

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Di tutto e di più in questo primo impegno di Coppa Italia, per i leoncelli, che quando la strada sembrava essere in discesa, con due gol all’attivo, si sono fatti raggiungere proprio sul filo di lana dalla Sangiustese che, poi, ai calci di rigore, non ne ha azzeccata una.

Quattro di fila sbagliati, due parati da Tavoni (con Proesmans, Marfella, Porfiri, Cheddira), mentre la Jesina ne ha messi nel sacco due (Gremizzi e Magnanelli, errori di Pierandrei e Giovannini).

E dire che la squadra di Franco Gianangeli aveva chiuso bene il primo tempo con il gol (25’) di Pierandrei il quale, da rapinatore d’area, aveva segnato raccogliendo una corta respinta del portiere Chiodini, su punizione dal limite di Gremizzi, con palla che si era impennata. Anticipando tutti lui aveva messo dentro di piatto.

Una prima parte di gara in controllo, per la Jesina, Cameruccio sugli scudi con le sue incursioni a sinistra che avevano messo sempre in difficoltà Calamita il quale, a dispetto del nome, non riusciva mai a contenerlo.

Al rientro il copione non cambiava, tanto che (51’) ci pensava Trudo a suggellare il dominio federiciano col magnifico gol del raddoppio.

Strapazzava dribblando in area Enow e Patrizi che non riuscivano a chiudere su di lui, e poi infilava di punta Chiodini in disperata uscita. Se fosse finita lì…

Ma la Sangiustese a questo punto, complici un calo sia fisico che di concentrazione dei padroni di casa, cominciava a prendere il sopravvento territoriale e a chiudere i leoncelli nella loro metà campo.

E si sa, quando l’avversario è dalle parti della tua porta, il gol ci può sempre scappare.

Così è successo.

Traversone (61’) calibratissimo di Moccia, Tavoni è scavalcato e all’altezza del palo Antenucci depositava in rete di testa. Distanze dimezzate quando mancavano ancora 30 minuti alla fine.

La Jesina si chiudeva ancora di più – Trudo usciva per crampi – e rischiava.

E quando appariva il recupero, 5 minuti, la frittata era fatta.

Era ancora Antenucci (90) a provarci dal limite, la palla impattava Giorni e veniva deviata verso Usai che solo soletto pareggiava: 2-2.

Si andava alla lotteria dei calci di rigore dove i leoncelli, comunque, riacciuffavano qualificazione e morale, in vista della prima difficile trasferta di campionato, domenica prossima, 3 settembre, ad Avezzano.

Prima dell’inizio della partita è stato osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime del terremoto di Ischia.

I tifosi leoncelli della curva hanno esposto uno striscione in memoria di Sofia, la bimba di due anni deceduta domenica scorsa per un male incurabile, figlia di Michele Pierpaoli, grande tifoso della Jesina. Uno di loro.

Pino Nardella

Jesina – Sangiustese 4 – 2  d.c.r. (2-2)

Reti – Pierandrei (25’), Trudo (51’), Antenucci (61’), Usai (90’)

Jesina – Tavoni; Silvestri (75’ Serantoni), Giorni, Gremizzi, Anconetani; Carotti;  Cameruccio; Magnanelli, Parasecoli (65’ Giovannini) , Pierandrei, Trudo (61’ Sassaroli) . A disposizione: Bolletta, Calcina, Massei, Zannini, Generali, El Harrati. All. Franco Gianangeli

Sangiustese – Chiodini; Marfella, Calamita (48’ Porfiri), Perfetti; Enow, Patrizi (94’ Pagliarini), Argiolas (52’ Antenucci); Camillucci (69’ Usai), Cheddira; Moccia, De Reggi (50’ Proesmans). A disposizione: Schiavoni, Moretti, Cesca, Gioacchini. All. Stefano Senigagliesi.

Arbitro – Luca Zucchetti di Foligno coadiuvato da Andrea Baccherini di Terni e Leonardo Battista di Pesaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.