Coronavirus, autodichiarazione per gli spostamenti. Come funziona | | Password Magazine

Coronavirus, autodichiarazione per gli spostamenti. Come funziona

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Le Marche, la provincia, la Vallesina si risvegliano questa mattina come «zona a contenimento rafforzato». Scuole chiuse, strade deserte, supermercati svuotati. C’è un clima di incertezza mista ad ansia e paura. Conte ha parlato: «Non c’è più tempo, il numero dei contagi da Coronavirus cresce, bisogna adottare misure ancora più restrittive». E firma un nuovo decreto per blindare l’Italia fino al 3 aprile. A preoccupare i cittadini, la questione sopratutto degli spostamenti «vietati se non per comprovate necessità».

Ci si può mettere in viaggio da un Comune all’altro solo per:

  • comprovate esigenze lavorative (andare e tornare dal proprio ufficio)
  • situazioni di necessità (ad esempio andare a fare la spesa, acquisti di prima necessità o per «altri situazioni particolari» da dettagliare agli agenti)
  • motivi di salute (visite o esigenze sanitarie di varia natura)
  • rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Vige invece un divieto assoluto di spostamento per le persone sottoposte a quarantena o risultate positive al virus.

Per viaggiare bisogna scaricare il modulo dal sito del Ministero dell’Interno (clicca qui o vedi sotto)si tratta di un documento già predisposto per l’istituzione della zona arancione in Lombardia e altre 14 province e ora in via di estensione all’intero paese. Se se ne è sprovvisti, secondo la direttiva, l’autodichiarazione può essere «resa anche seduta stante attraverso la compilazione di moduli forniti dalle forze di polizia».

Posti di blocco saranno posizionati in aeroporti e stazioni ferroviarie ma anche su autostrade e viabilità principale, con agenti della polizia stradale che potranno fermare le vetture e controllare i moduli. Lo stesso potrà essere fatto da Carabinieri e Polizia municipale sulla viabilità ordinaria.

In caso di violazione si incorre nel reato previsto dall’articolo 650 del codice penale (inosservanza di un provvedimento di un’autorità), a meno che il proprio comportamento «i possa configurare un’ipotesi più grave».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.