Coronavirus, autodichiarazione per gli spostamenti. Come funziona | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Coronavirus, autodichiarazione per gli spostamenti. Come funziona

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Le Marche, la provincia, la Vallesina si risvegliano questa mattina come «zona a contenimento rafforzato». Scuole chiuse, strade deserte, supermercati svuotati. C’è un clima di incertezza mista ad ansia e paura. Conte ha parlato: «Non c’è più tempo, il numero dei contagi da Coronavirus cresce, bisogna adottare misure ancora più restrittive». E firma un nuovo decreto per blindare l’Italia fino al 3 aprile. A preoccupare i cittadini, la questione sopratutto degli spostamenti «vietati se non per comprovate necessità».

Ci si può mettere in viaggio da un Comune all’altro solo per:

  • comprovate esigenze lavorative (andare e tornare dal proprio ufficio)
  • situazioni di necessità (ad esempio andare a fare la spesa, acquisti di prima necessità o per «altri situazioni particolari» da dettagliare agli agenti)
  • motivi di salute (visite o esigenze sanitarie di varia natura)
  • rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Vige invece un divieto assoluto di spostamento per le persone sottoposte a quarantena o risultate positive al virus.

Per viaggiare bisogna scaricare il modulo dal sito del Ministero dell’Interno (clicca qui o vedi sotto)si tratta di un documento già predisposto per l’istituzione della zona arancione in Lombardia e altre 14 province e ora in via di estensione all’intero paese. Se se ne è sprovvisti, secondo la direttiva, l’autodichiarazione può essere «resa anche seduta stante attraverso la compilazione di moduli forniti dalle forze di polizia».

Posti di blocco saranno posizionati in aeroporti e stazioni ferroviarie ma anche su autostrade e viabilità principale, con agenti della polizia stradale che potranno fermare le vetture e controllare i moduli. Lo stesso potrà essere fatto da Carabinieri e Polizia municipale sulla viabilità ordinaria.

In caso di violazione si incorre nel reato previsto dall’articolo 650 del codice penale (inosservanza di un provvedimento di un’autorità), a meno che il proprio comportamento «i possa configurare un’ipotesi più grave».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.