Coronavirus, Butini: «Bene la prudenza ma senza esagerare» | | Password Magazine

Coronavirus, Butini: «Bene la prudenza ma senza esagerare»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – La paura può avere una doppia faccia. Ha un lato buono, che invita alla prudenza. E un lato cattivo, che è puro panico. Il Coronavirus ha risvegliato nella popolazione un timore atavico, quello del contagio. La malattia viaggia, invisibile, sfruttando la socialità dell’uomo per riprodursi. Per sfuggire al pericolo, il passo dalla prevenzione alla psicosi è breve. «In casi come questi, la paura non deve trasformarsi in panico, è bene la prudenza ma senza esagerare». A parlare è Luca Butini, nella doppia veste di dirigente della Immunologia clinica dell’Azienda Ospedali Riuniti di Torrette e vice sindaco al Comune di Jesi. Un punto di vista il suo da addetto ai lavori ma anche da amministratore con la responsabilità informare correttamente la popolazione.
«Bisogna essere consapevoli ed equilibrati, bene essere prudenti ma senza eccessi o il rischio è che, superata la crisi, i danni causati dal panico nella collettività siano più gravi di quelli provocati dalla malattia stessa». La strada da percorrere è dunque quella della prudenza, che si accompagna alla prevenzione. «Bene la mascherina per proteggere i più fragili, per tutti gli altri il sapone è più efficace». Cos’è che spaventa davvero del Coronavirus? «Non siamo più abituati, a livello emotivo, a confrontarci con una malattia infettiva – dice Butini – Se si va nel panico, si possono prendere provvedimenti sproporzionati. Sia a livello personale che collettivo».
Eppure, le statistiche confermano che il Coronavirus è molto contagioso ma uccide in pochissimi casi:
«Diventa letale in un paziente già provato da altre gravi patologie – spiega Butini -, questo è quanto finora descrivono i numeri. Tuttavia, resta un virus nuovo per il nostro organismo: fino alla sua comparsa, non c’erano in medicina conoscenze pregresse che ci indicassero come affrontarlo.  Ecco perché si diffonde rapidamente». Il Comune di Jesi è stato uno dei primi comuni a tradurre il decalogo del Ministero sulla prevenzione anche in lingua araba, bangla e in rumeno: «L’informativa sarà anche diffusa anche negli ambulatori, farmacie e nelle aziende come Fileni grazie alla collaborazione degli imprenditori» spiega Butini. Segno che anche a livello locale si può fare molto: «Il tutto in rete con le autorità sanitarie, lavorando in rete il cittadino apprende un senso di prontezza. Giusto poi che dal Ministero ci sia una linea di comando unica che coinvolga tutte le Regioni».
Quanto durerà il periodo di allerta? «Ci vorranno almeno altre due o tre settimane di osservazione. Ora ci troviamo davanti a focolai sincronizzati. Se le misure intraprese si riveleranno efficaci, si spegneranno e potremo dire che il peggio è passato. Di certo ora ci attende qualche rinuncia o limitazione nella vita sociale, difficoltà nel gestire figli e nipoti con le scuole chiuse. Il tempo ci darà poi le risposte».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.