Coronavirus, Ceriscioli: «Occorrono medici e più posti letto dedicati» | | Password Magazine
Banner4Baffi

Coronavirus, Ceriscioli: «Occorrono medici e più posti letto dedicati»

ANCONA – Coronavirus, i dati del contagio sono in crescita ma il presidente della Regione Luca Ceriscioli rassicura: «Si stanno prendendo tutte le misure di riorganizzazione sanitaria indispensabili e con visione prospettica, come l’aumento delle terapie intensive e dei posti letto dedicati ai casi positivi di coronavirus in reparti di infettivologia attraverso anche l’accorpamento dei servizi». Sono 124 i casi risultati positivi al COVID-19, di questi 19 sono nella provincia di Ancona, 100 nella provincia di Pesaro-Urbino, 2 nel maceratese, 3 a Fermo. Sono 19 le persone ricoverate al momento in terapia intensiva, in maggior numero negli ospedali Marche Nord di Pesaro (5) e Fano (7), poi a Torrette (2), Fermo (2), San Benedetto (1), Civitanova (1), Urbino (1). Alle 13.30 di oggi, risultavano invece ricoverati in reparti non intensivi 57 contagiati, distribuiti tra Medicina Interna Marche Nord (17), Medicina Interna Torrette (8), Medicina Interna Fermo (4), Murge PS/ Pesaro (17), INRCA (2), PS Fano (3), PS Torrette (4), PS di Jesi (2), Medicina Generale di Torrette (2). Sono inoltre 116 gli operatori sanitari contagiati nelle Marche.

«Il sistema sanitario marchigiano in questa fase è a pieno regime di efficienza e non in sofferenza riguardo a carenze, ma occorrerà sicuramente reperire figure mediche specializzate e aumentare posti letto dedicati» così Luca Ceriscioli ha riferito questa mattina presso la sede della Giunta regionale, a Palazzo Raffaello, dove si è svolta una riunione dei capigruppo consiliare per fare il punto sull’emergenza coronavirus.

Da tutti, al di là dell’appartenenza politica, è stata data la massima collaborazione alla giunta regionale condividendo i principi di precauzione e di prevenzione messi in atto con le misure regionali e governative.  «Un incontro importante quello di oggi– ha sottolineato il Governatore –  per fare il punto insieme e con la massima trasparenza su questa emergenza. Un modo anche per informare la comunità regionale, preoccupata in questo momento per quello che accade, che esiste nelle Marche una capacità di ragionare insieme e condividere percorsi e scelte, che aiuterà a fare bene e a rispondere alle esigenze dei marchigiani sia in termini di salute che di sostegno economico».

Accanto al tema sanitario è stato affrontato anche il problema dei danni economici e il presidente Ceriscioli ha assicurato che si sta già agendo in parallelo, con misure di competenza regionale e progettando alcune azioni di sostegno ai lavoratori e alle piccole e medie imprese, anche riconvertendo la destinazione di alcuni fondi per agire con immediatezza, in modo da consentire di attraversare una prima fase critica.

Insieme ai consiglieri è stata condivisa anche la scelta di una comunicazione forte alla popolazione appellandosi al senso di responsabilità di ognuno, specialmente rivolgendosi alle persone poste in quarantena per tutelare efficacemente le persone con più fragilità (anziani e patologici cronici) .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.