Emergenza coronavirus, il sindaco Bacci spegne le slot machine. Chiusi anche i cimiteri | | Password Magazine

Emergenza coronavirus, il sindaco Bacci spegne le slot machine. Chiusi anche i cimiteri

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Emergenza coronavirus, il sindaco Massimo Bacci ha firmato oggi due nuove ordinanze.

La prima  dispone – a partire da venerdì 20 marzo e fino al 3 aprile prossimo – la chiusura al pubblico di tutti i cimiteri, da quello principale di Via Santa Lucia, a quelli di Mazzangrugno, Santa Maria del Colle e Tabano. Viene garantita, comunque, l’erogazione dei servizi di trasporto, ricevimento, inumazione e tumulazione. Per l’estremo saluto è consentita la presenza di persone, evitando assembramenti e nel rispetto delle disposizioni vigenti atte a ridurre il contagio. Con la stessa ordinanza è stata disposta anche la sospensione, all’interno di ciascun camposanto, di ogni attività connessa ai servizi cimiteriali d’iniziativa privata.
La decisione – motivata per ragione di igiene e sanità pubblica – è ovviamente legata alla normativa emergenziale del presidente del Consiglio dei Ministri che pone, come obiettivo di carattere generale, il divieto di formarsi di assembramenti di persone e, più in generale, il contrasto di ogni occasione di possibile contagio che non sia riconducibile a esigenze specifiche o ad uno stato di necessità.
Nell’ordinanza viene anche disposto che – per richiedere la cremazione in mancanza di disposizioni testamentarie o di iscrizioni ad associazioni riconosciute – è sospesa la manifestazione di volontà davanti all’Ufficiale di Stato Civile e sarà sufficiente una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

Una seconda ordinanza riguarda invece dispone l’obbligo di sospensione immediata delle slot machine e delle altre tipologie di gioco con apparecchi meccanici o elettronici e la disattivazione dei monitor legati alle attività di gioco in tutti gli esercizi ad oggi autorizzati all’apertura al pubblico (come, ad esempio, i tabaccai). L’ordinanza, che richiama anche la direttiva emessa dalla Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ed indirizzata a tutti i concessionari del gioco pubblico, è finalizzata ad impedire la permanenza degli avventori all’interno di tali locali.
La sospensione resta valida fino al prossimo 25 marzo, vale a dire la stessa data prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri per la chiusura della attività commerciali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.