Coronavirus, nuovi casi nelle Marche. Migliorano le condizioni dei pazienti ricoverati | | Password Magazine

Coronavirus, nuovi casi nelle Marche. Migliorano le condizioni dei pazienti ricoverati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – Il Gores ha comunicato che nella giornata di ieri la Sod Virologia ha rilevato 5 tamponi positivi al Coronavirus, tutti provenienti all’Area Vasta 1, provincia di Pesaro e Urbino. Questi 5 campioni saranno inviati domani all’Istituto superiore di sanità per la conferma definitiva. Nessun campione positivo è risultato nelle altre province. Sale dunque a 11 il numero di campioni positivi nella Regione Marche.

Il presidente Luca Ceriscioli: «Continuiamo nell’impegno di informarvi tempestivamente sui risultati delle analisi di laboratorio non appena queste si rendono disponibili perché crediamo importante che possiate valutare correttamente, conoscendo le notizie, piuttosto che angosciarvi con le fake news».

Intanto, migliorano le condizioni dei pazienti positivi al Covid-19, ricoverati a Torrette. Nessuno è in pericolo di vita: cinque dei 6 soggetti infettati sono assistiti nel presidio regionale, 4 di loro si trovano nella Sod di Malattie Infettive, in uno dei due reparti evacuato e dedicato ai pazienti da tenere sotto osservazione in isolamento.

Sotto osservazione e in prognosi riservata l’anziano di Fano ricoverato in Rianimazione, anche lui non sarebbe comunque in pericolo.

Intanto, a palazzo Raffaello è arrivata la notizia che il Governo riunirà di nuovo le Regioni.

«Speriamo che, finalmente, siano adottate linee omogenee che permettano di applicare, con serenità, quegli strumenti che chiedono ai cittadini qualche sacrificio, ma che non sono inutili. C’è bisogno di un’indicazione solida che consenta di adottare misure giuste ed adeguate all’evoluzione dell’emergenza coronavirus». È quanto ha detto il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, intervenendo alla Conferenza di Area Vasta 4 (Fermo), insieme all’assessore regionale Fabrizio Cesetti e convocata dal presidente Paolo Calcinaro. All’ordine del giorno erano iscritti punti riguardanti temi sanitari territoriali, ma la situazione ha imposto un cambio di programma del dibattito.

«Nel corso del suo intervento, Ceriscioli ha ribadito che la scelta di chiudere le scuole nelle Marche «ha ragioni scientifiche, non politiche. Comunque il dibattito va riportato nella sua giusta dimensione, evidenziando che non ci troviamo di fronte a una malattia catastrofica, ma neanche a una banale influenza. Dobbiamo affrontare una situazione di emergenza, dove la salute viene prima di ogni considerazione economica». Ha concluso ribadendo che «fino a sabato vige l’ordinanza firmata. Da domenica vedremo gli indirizzi da emanare, sulla base dell’evoluzione nazionale».

Si ricorda che in caso di dubbi rispetto alle proprie condizioni di salute non ci si deve recare al pronto soccorso o presso gli studi dei medici di famiglia, ma bisogna telefonare al proprio medico curante, alla guardia medica o al numero verde 800936677 (attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.