Coronavirus, psicosi o pericolo reale? Intervista alla dott.ssa Marilena Canonico | | Password Magazine

Coronavirus, psicosi o pericolo reale? Intervista alla dott.ssa Marilena Canonico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La dott.ssa Marilena Canonico
SALUTE – Sembra di trovarsi catapultati in un bieco videogioco o in un film apocalittico, di quelli che anche recentemente hanno incollato milioni di spettatori allo schermo. Ve lo ricordate, per esempio, il grottesco giochino, circolante in rete, in cui l’umanità veniva flagellata da un virus letale? Stavolta si tratta, come direbbe Vicotr Hugo, dell’aspra verità. Coronavirus, ne abbiamo parlato con la dottoressa Marilena Canonico, dirigente Medico ASUR Marche, Dipartimento di Prevenzione di Ancona, Unità Operativa Igiene e Sanità Pubblica – Sorveglianza e Prevenzione delle Malattie Infettive e Cronico-Degenerative.
Coronavirus, i timori sono giustificati o siamo innanzi ad un caso da manuale di psicosi collettiva?
«Il Nuovo Coronavirus è un’emergenza sanitaria globale. La stima di rischio è molto elevata per la Cina, ma la probabilità di infezione per la popolazione europea è considerata molto bassa. In Italia il livello di sicurezza è tra i più elevati in Europa, perché le misure di contenimento e prevenzione messe in atto sono molto restrittive e diffuse in maniera capillare».
Le notizie che arrivano dalla Cina forniscono un quadro attendibile della situazione?
«Agli Organi di competenza sanitaria nazionali le informazioni arrivano dal Ministero della Salute, Ufficio Prevenzione delle malattie trasmissibili e profilassi internazionale. A livello internazionale le informazioni sono divulgate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Sono le fonti più attendibili in assoluto e l’aggiornamento dei dati è quotidiano».
A livello marchigiano esiste un protocollo specifico per questa emergenza?
«Nelle Marche il Gruppo Operativo per le Emergenze Sanitarie (GORES) già nel mese di gennaio ha emanato una prima nota operativa con indicazioni precise per la sorveglianza e gestione nel territorio regionale di eventuali casi sospetti di malattie da nuovo Coronavirus collegato con l’epidemia in Cina. Tale nota operativa ha poi subito i necessari aggiornamenti».
Dobbiamo avere paura?
«In termini di politica sanitaria, l’Italia ha adottato strategie di contenimento e di protezione più restrittive rispetto ad altri Paesi, applicando rigorosamente il principio di precauzione. Certo, è un’emergenza sanitaria ed è complessa, perché le evidenze scientifiche sono in continua evoluzione. E nonostante gli sforzi della comunità scientifica globale, ci sono ancora delle incertezze come è normale che sia quando emerge un agente infettivo nuovo. Per questo è fondamentale in questo momento la corretta comunicazione: la paura del Nuovo Coronavirus si combatte con la corretta informazione».
A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.