Coronavirus, supermercati presi d'assalto e mascherine assenti | | Password Magazine
Banner4Baffi

Coronavirus, supermercati presi d’assalto e mascherine assenti

JESI- Cresce il panico da Coronavirus: nelle ultime ore sembrerebbe che anche in Vallesina si stia generando una psicosi di massa. Dopo l’episodio dello Sportello CUP del Carlo Urbani, praticamente deserto, la preoccupazione dei cittadini della Vallesina sembra evidente anche nella corsa agli acquisti dei beni di prima necessità, qualora si riscontrasse una situazione di emergenza.

Sebbene per ora nel territorio non sia stato registrato alcun caso di contagio, le farmacie e le para farmacie hanno esaurito le vendite delle mascherine: sebbene il loro utilizzo sia indicato per chi è affetto dal virus, per evitare di contagiare altre persone, gli jesini sembrerebbero essersi apprestati all’acquisto in forma preventiva.

Anche i supermercati sembrerebbero essere stati presi d’assalto: introvabili, proprio come le mascherine, i flaconi, di piccola o media dimensione, di Amuchina, il cui uso è raccomandato per igienizzare le mani, soprattutto quando si frequentano posti pubblici.

Anche i reparti frigoriferi sono stati ripuliti, tanta la merce comprata: in particolare, i banchi frigoriferi delle carne, e in generale di alimenti che possono essere congelati e conservati a medio termine.

Ricordiamo che, come comunicato dal Presidente della Regione Luca Ceriscioli, per la Regione Marche , è attivo da oggi il numero verde 800936677, disponibile dalle ore 08:00 alle ore 20:00 per rispondere alle domande dei cittadini.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.