Corpo raffreddato e 25 minuti per salvargli la vita: l'intervento a Torrette | Password Magazine

Corpo raffreddato e 25 minuti per salvargli la vita: l’intervento a Torrette

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Il cuore si ferma, l’organismo viene raffreddato e ci sono solo 25 minuti per salvare una vita. Ad eseguire l’intervento su un uomo di 69 anni è un team multidisciplinare sotto l’egida degli Ospedali Riuniti (Lancisi e Umberto I). Il paziente era affetto da neoplasia che dal rene si estendeva nella vena renale e sviluppando fino a raggiungere il cuore. Un intervento di quasi 10 ore, condivisa con i cardiologi, oncologi e anestesisti sulla base della biopsia che ha permesso di stabilire l’esatto tipo istologico della neoplasia.
Il paziente presentava difficoltà respiratoria e palpitazioni perché la lesione occupava buona parte del lato destro del cuore. Così i medici hanno deciso di adottare per lui una tecnica all’avanguardia, già eseguita nelle sale operatorie della Cardiochirurgia del Lancisi provviste di macchinari guidati da tecnici specializzati. Dopo una prima preparazione, è scattata l’attivazione della circolazione extra-corporea con arresto di circolo, ovvero abbassamento della temperatura corporea fino a 20° gradi, per prevenire lesioni di organi vitali tra cui il cervello.
Il cuore si ferma e tutto l’organismo viene raffreddato per preservare le sue funzioni, ma il tempo a disposizione è di soli 25 minuti. In questo frangente è possibile agire in contemporanea con 2 equipe: i cardiochirurghi rimuovono la massa cardiaca e i chirurghi vascolari aprono la vena cava. L’azione combinata di entrambi consentiva di asportare completamente la lesione e ricostruire i tessuti aperti. L’operazione è stata completata in 17 minuti per riattivare la circolazione e progressivo aumento della temperatura corporea fino a 36 gradi.

«Un’Azienda Ospedaliero Universitaria integrata, dove cresce un team di esperti con professionalità multidisciplinari – afferma il Rettore Prof. Gian Luca Gregori – permette di essere un centro di formazione e ricerca oltre che di assistenza e cura, di alto livello, come dimostrato dalle attività del Centro per la Chirurgia Retroperitoneale, unico nelle Marche.  Da oltre due anni, nel nostro Ospedale questa Unità Speciale ha eseguito molti interventi complessi alcuni dei quali erano stati giudicati inoperabili in importanti centri italiani. Ringrazio il Direttore Generale della Az. Ospedaliera Dott Caporossi Michele, che ha consentito di organizzare tale intervento nonostante il periodo COVID e per aver supportato la crescita di un gruppo chirurgico multidisciplinare super-specialistico e ibrido».

All’intervento hanno preso parte 8 chirurgi (Cardiochirurghi, Urologi e Chirurgi Vascolari), 2 Anestesisti. Nell’equipe Urologica: prof. Andrea Galosi, Direttore della Clinica Urologica, Università Politecnica delle Marche, Dott.ssa Erika Palagonia, medico Specializzando in Urologia Dott. Marco Tiroli, Urologo; nell’equipe cardiochirurgica: Prof. Marco Di Eusanio, Direttore della Cardiochirurgia, Università Politecnica delle March, Dr. Mauro Borioni, Cardiochirurgo; Dr. Michele Pierri, Cardiochirurgo; Dr. Carlo Aratari, Cardiochirurgo; nell’equipe Chirurgia Vascolare: Dr. Luciano Carbonari, Direttore della Chirurgia Vascolare, Azienda Ospedali Riuniti, Dr. Gabriele Pagliariccio, Chirurgo Vascolare; Equipe Anestesisti: Dr Christopher Munch, Direttore della Terapia Intensiva Post-operatoria Lancisi, Dr. Simone Massaccesi, Dr. Zahedi M. Hossein. L’equipe Lancisi-Umberto I era composta di 2 Tecnici Perfusionisti; 10 tra Ferristi e Infermieri di sala operatoria, 1 tecnico di radiologia. Altre equipe che hanno collaborato: Cardiologia Lancisi con il Dr Gian Piero Perna, Direttore della Cardiologia del Lancisi, è stato una figura molto importante nell’inquadramento Cardiologico e Clinico; Clinica Oncologica con il Dott. Luciano Burattini, della Clinica Oncologica, esperto in neoplasie uro-genitali maschili.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.