Corso Matteotti, Bacci: «Lavori non rinviabili ma siamo pronti al dialogo» | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Corso Matteotti, Bacci: «Lavori non rinviabili ma siamo pronti al dialogo»

JESI – «Restyling Corso Matteotti, la proposta di rinviare i lavori al 2021 è irricevibile per motivi tecnici». Così il sindaco Massimo Bacci interviene in Consiglio comunale in merito alla mozione presentata dalla consigliera comunale del M5S di Jesi Claudia Lancioni che chiedeva all’Amministrazione comunale una posticipazione dell’opera pubblica per poter dare ossigeno ai commercianti già provati dall’emergenza covid. «Lasciate che passi il Natale -suggerisce la consigliera -, ai negozianti serve tempo per potersi riprendere dopo i mesi di chiusura». Di recente, anche l’associazione Jesi Centro aveva espresso pubblicamente la propria contrarietà al via ai lavori nel 2020: un no compatto che aveva trovato l’appoggio anche dalle minoranze PD Jesi e Jesi in Comune. «Il progetto esecutivo è stato approvato a fine 2019 – precisa però il sindaco – e l’intero iter è stato seguito dal tecnico di fiducia scelto da Jesi Centro. Nel frattempo, è stato acceso un finanziamento di 2 milioni e mezzo di euro che deve essere oggetto di impegno nel 2020 altrimenti le somme confluiranno nell’avanzo vincolato e l’investimento non potrà più essere realizzato. Un vincolo che ci impedisce di dare seguito alla mozione. Senza contare le responsabilità contrattuali che potrebbero scaturire nei confronti della ditta aggiudicatrice dei lavori. Condizioni che non ci permettono di rimandare i lavori al 2021».

Il sindaco: «Rinviare lavori al 2021 è una proposta irrealizzabile»

Problematiche di bilancio, insomma, che potrebbero mettere un freno assoluto a tutte le altre opere pubbliche per l’anno a venire. Per il sindaco Massimo Bacci, è necessario iniziare i lavori subito: «Proveremo a discutere con impresa per capire come venire incontro ai commercianti. Ci assumeremo l’onere di trovare soluzioni per le loro esigenze, oltreché tutte le responsabilità».

Nel dibattito in aula, le opposizioni incalzano e chiedono la possibilità di rinegoziare: «L’affidamento dei lavori alla ditta aggiudicataria è avvenuto il 18 maggio, non sono ancora passati i 30 giorni» commenta Lorenzo Fiordelmondo (PD Jesi). «Dite che non si può tornare indietro, che non si possono fermare questi lavori così urgenti e fondamentali, che si rischiano anche penali con la ditta che si è aggiudicata i lavori – commenta Jesi in Comune – . Ci chiediamo allora come mai, mentre tutte le altre questioni cittadine sono rimaste ferme (“c’era l’emergenza Covid, come sarebbe potuto essere altrimenti!”), su questa pratica la maggioranza ha fatto gli straordinari e ha accelerato oltre ogni misura».
Ferma anche la consigliera Lancioni che decide di non ritirare la mozione, anche se c’è già pronta la risoluzione della maggioranza. Con 14 voti contrari e 10 favorevoli, la mozione viene però respinta. Passa invece la risoluzione proposta da Jesiamo, Jesinsieme e Patto x Jesi in cui l’Amministrazione si impegna «a verificare, insieme alla ditta aggiudicatrice, e agli operatori commerciali la fattibilità tecnica e la possibilità di rimodulare», tenendo conto ovviamente delle normative, del bando di gara e delle previsioni contrattuali dell’appalto, «l’organizzazione dei lavori, la tempistica di realizzazioni e le fasi degli interventi». (c.c.)

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.