Corso Matteotti, conto alla rovescia per il restyling | Password Magazine
Festival Pergolesi

Corso Matteotti, conto alla rovescia per il restyling

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Restyling Corso Matteotti, atteso per le prossime settimane il via ai lavori. Lasciato Ferragosto alle spalle, sono partiti i rilievi propedeutici all’installazione del cantiere in modo da far partire gli interventi di riqualifica a cavallo tra agosto e settembre.
Come da accordo raggiunto con i commercianti del centro, si partirà dalle stradine laterali del Corso che verranno sistemate e completate entro l’anno corrente, valorizzando l’assetto dato dai sampietrini presenti. Dunque Via Saffi (verso l’ufficio Anagrafe), Via Angeloni (che conduce alla Fondazione Colocci), Via Grizio (accanto alla pasticceria Bardi), Via Giordano Bruno (di fronte all’Appannaggio) e, sul lato opposto, Via Palestro (accanto al Liceo Classico). Poi, ad inizio 2021, prenderanno il via i lavori per la pavimentazione dell’asse centrale: al posto dell’antiestetico asfalto e dei relativi marciapiedi, sarà realizzata una pavimentazione uniforme, su un unico livello, utilizzando lastre dello stesso tipo di quelle della nuova Piazza Pergolesi. Si procederà anche al rifacimento delle reti idriche e fognarie sottostanti.

Soddisfazione dalle associazioni di categoria per obiettivi e tempistiche: «È fondamentale ora ripartire con la riqualificazione del corso Matteotti come da progetto –spiega il Presidente CNA Territoriale di Ancona, Maurizio Paradisi – , saranno mesi difficili per commercianti e professionisti che operano nelle are del cantiere ma ora bisogna guardare al futuro e fare tutto il possibile per ristrutturare anche con prospettive innovative, come fibra ottica di nuova generazione e quant’altro».

Per CNA, la concertazione nelle tempistiche del cantiere avvenuta con i commercianti e le associazioni di riferimento, con l’avvio dei lavori nelle vie limitrofe e le opere su Corso Matteotti rinviati a gennaio 2021, rappresenta un esempio lampante di come il dialogo fra Governo cittadino e parti sociali non possa che generare contesti di sviluppo e crescita per tutti.

paradisi-2020 (1)
Maurizio Paradisi

«Siamo convinti – continua il presidente Paradisi – che lasciare il corso carrabile al carico e scarico (ovviamente ben regolamentato) sia una decisione giusta che va riconosciuta a questa Amministrazione. Perché fare progetti idealistici ma non sostenibili rappresenterebbe la fine del commercio in centro storico e quindi di una parte importante della vita economica della città».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.