Corso Matteotti, una raccolta firme per «salvare la vasca» | Password Magazine
Festival Pergolesi

Corso Matteotti, una raccolta firme per «salvare la vasca»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Una petizione per «salvare la vasca». L’associazione dei commercianti Jesi Centro promuove una raccolta firme «per salvare passeggio e attività in questo momento difficile dalla volontà di partire subito con i cantieri di Corso Matteotti». Obiettivo, arrivare almeno 100 firme e richiedere nuovamente all’Amministrazione comunale il rinvio dei lavori al 2021: «Dopo due mesi di chiusura in casa e delle attività, il comune di Jesi vuole iniziare un cantiere lungo tutto il corso, togliendoci le passeggiate estive lungo la vasca e contribuendo a non far ripartire i negozi del centro già duramente colpiti – si legge nel testo della petizione -. Facciamo semplicemente partire i lavori con qualche mese di ritardo, a gennaio 2021».

I commercianti compatti contro il restyling: «Chiediamo il rinvio dei lavori, non la rinuncia»

I commercianti si erano già rivolti compatti al Primo cittadino: «Abbiamo implorato il Sindaco e la Giunta tutta ugualmente responsabile di rimandare al 2021, cercando di salvare le nostre attività e tanti posti di lavoro – avevano dichiarato qualche settimana fa – Ci siamo sentiti abbandonati.  Vogliamo ridare un’atmosfera di normalità ad una città tanto provata, salvare la vasca per il corso per tutti quelli che non potranno permettersi una vacanza».  La questione era arrivata anche in Consiglio comunale, con una mozione presentata dalla consigliera pentestellata Claudia Lancioni, appoggiata anche dalle altre forze politiche di opposizione, ma Bacci all’occasione aveva spiegato: «Rinviare lavori al 2021 è una proposta irrealizzabile – aveva detto — Problematiche di bilancio potrebbero mettere un freno assoluto a tutte le altre opere pubbliche per l’anno avvenire». Per il sindaco è necessario avviare il cantiere, confermando però l’impegno nel cercare soluzioni e dialogo: «Proveremo a discutere con l’impresa per capire come venire incontro ai commercianti – aveva dichiarato – Ci assumeremo l’onere di trovare soluzioni per le loro esigenze, oltreché tutte le responsabilità».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.