Cosmetici nocivi alla salute, ecco come riconoscerli

La produzione e commercializzazione dei cosmetici contraffatti – cioè di quei prodotti che riportano illegalmente un marchio identico ad uno registrato senza il consenso del titolare – è sempre più fiorente.

Chi acquista prodotti falsi non solo compie un illecito ma concorre spesso all’evasione e allo sfruttamento del lavoro nero, mette a repentaglio i sistema produttivo e, principalmente, nuoce alla propria salute e sicurezza.

I cosmetici contraffatti spesso evidenziano la presenza di metalli pesanti tra cui mercurio e piombo, con rischi elevati per la salute poiché entrano in contatto diretto con la pelle.

Non è facile distinguere dalla sola confezione il cosmetico contraffatto  da uno originale, in quanto gli involucri sono molto simili.

Per evitare di incappare nei prodotti contrafatti:

– acquistare solo in punti vendita sicuri (profumerie, supermercati, farmacie)

acquistare on line sui siti ufficiali dei marchi

diffidare dai prezzi troppo bassi: i cosmetici di qualità hanno un costo maggiore perché in genere utilizzano elevati standard di produzione e ingredienti migliori e più sicuri.

Inoltre, occorre imparare a leggere l’etichetta del prodotto che acquistiamo. Sul contenitore a diretto contatto con il cosmetico e sull’imballaggio esterno devono essere riportati:

– il nome o ragione sociale e sede legale del produtture o del responsabile dell’immissione sul mercato del prodotto cosmetico;

il contenuto (in italiano)

la data di durata minima con indicazione del mese e dell’anno; se la scadenza del prodotto integro è inferiore a trenta mesi va riportata la dicitura “da usare preferibilmente entro…”; se la durata è superiore a trenta mesi, deve essere indicato il termine di utilizzo del prodotto una volta aperto tramite il simbolo del barattolo di crema aperto, indicazione che serve a tutelare il consumatore nei riguardi di quei prodotti che, una volta aperti, possono alternarsi e costituire un rischio per la salute.

lotto di fabbricazione, mediante codice numero o alfanumerico, attribuito dal produttore e preceduto dalla lettera “L” o dall’indicazione “Lotto”.

il paese d’origine per i prodotti fabbricati in paesi extra UE

le funzioni del prodotto;

l’elenco degli ingredienti;

le modalità di impiego e avvertenze, finalizzate a guidare il consumatore nella corretta applicazione del cosmetico, indicandone le precauzioni di impiego volte a proteggere il consumatore da possibili danni alla salute.

Tutte le indicazioni devono essere in lingua italiana. La presenza di espressioni quali non testato sugli animali o cruelty free attesta che il cosmetico è stato sviluppato senza fare ricorso alla sperimentazione animale secondo la direttiva 2003/15/CE, recepita in Italia con il D. Lgs. 15 febbraio 2005 n. 50, che ha stabilito l’eliminazione totale dei test cosmetici sugli animali entro il 2013 e la loro sostituzione con metodi alternativi.

Diventando consumatori consapevoli possiamo essere parte attiva per contrastare il fenomeno e proteggere la nostra salute. 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*