Country Camp, un'esperienza che lascia il segno | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Country Camp, un'esperienza che lascia il segno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Potersi immergere nella natura, studiarne da vicino i lati nascosti, riscoprire il divertimento all’aria aperta, circondati dalle bellezze del territorio. Un’esperienza in grado di “lasciare il segno”, favorendo l’apprendimento dell’ inglese attraverso l’emozione di una vacanza. In due parole, Country Camp: l’iniziativa è promossa dalla scuola di lingue The Victoria Company ed è rivolta ai bambini dai 7 ai 12 anni che, abbandonati i libri per la pausa estiva, decidono di partire per l’avventura.

Ad attenderli, ci sarà un casolare tra i campi di girasoli, un agriturismo nel cuore delle campagne marchigiane, immerso nel profumo della cucina casalinga. E poi nuovi amici per poter giocare. Qui, in un continuo alternarsi tra momenti ludici e didattici, i bambini, al massimo 12 a gruppo, potranno trascorrere un’intera settimana – nel mese di giugno, luglio o agosto, a scelta tra i turni disponibili –  in compagnia di altri coetanei e di uno staff qualificato di docenti e assistenti animatori di madrelingua: durante il soggiorno, saranno invitati a partecipare a giochi e a laboratori, sperimentando attività come la raccolta delle more, la preparazione della marmellata o della pasta fatta in casa, vere e proprie escursioni in campagna, visite a fattorie. Il tutto rigorosamente in inglese. Il Country Camp è per la scuola The Victoria Company un vero fiore all’occhiello: tema scelto per questa edizione 2015 è “footprint”, ovvero l’invito a lasciare un’impronta, attraverso una esperienza     studio unico nel suo genere, lontana da cellulari e videogiochi, alla riscoperta della propria creatività e della realtà multiculturale che ci circonda.

Ma perché iscrivere il proprio figlio al Country Camp? A rispondere è la signora Marta, mamma di Edoardo, un bambino di 11 anni che ha partecipato all’esperienza l’anno scorso: “Mio figlio non voleva proprio saperne dell’inglese: a scuola mostrava disinteresse e il rendimento era pessimo. Volevo trovare un modo per stimolarlo: per questo l’ho iscritto – racconta la signora –  Dopo una settimana, sono andata a riprenderlo: il bambino era entusiasta, mi ha raccontato che si era divertito tantissimo e che sarebbe voluto restare un’altra settimana! Inoltre, è migliorato anche nello studio. Lo consiglio assolutamente”.

Un’occasione di socializzazione anche per i genitori che, alla fine del Camp, partecipano al rinfresco finale insieme ai bambini: “In quella settimana, il bambino sperimenta l’assenza di mamma e papà e apprende l’autonomia – conclude Marta – Senza contare gli effetti benefici di imparare la lingua attraverso il gioco e l’emozione, capace di lasciare davvero dentro un’impronta, un segno, da riscoprire poi avanti, nel futuro”.

Sono aperte le iscrizioni al Country Camp e gli altri numerosi programmi estivi per bambini in inglese. Per chi si iscrive entro il 30 aprile, è possibile usufruire di un notevole sconto.

 

(info promo)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.