Covid, dal 26 aprile torna la zona gialla e apertura attività all'aperto | Password Magazine

Covid, dal 26 aprile torna la zona gialla e apertura attività all’aperto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

«Si può guardare al futuro con prudente e ottimismo e fiducia». Con queste parole il premier Mario Draghi ha introdotto oggi la conferenza stampa sui provvedimenti presi o in corso in questi giorni sul tema delle riaperture, dello scostamento di bilancio e infine delle opere messe in cantiere.

Tra le novità, l’introduzione della zona gialla anticipata al 26 aprile e la riapertura in precedenza delle attività all’aperto, comprese la ristorazione, sia a pranzo e a cena.

Restano una priorità le scuole che «riaprono completamente in presenza nelle zone gialle e arancioni – ha detto Draghi – . Nella fascia rossa restano le suddivisioni con una in parte in presenza e una distanza. Con la decisione di oggi il Governo prende un rischio ragionato – sono le parole del capo dell’esecutivo – fondato però sui dati che sono in miglioramento. La premessa è che quei provvedimenti siano scrupolosamente osservati, questo rischio ragionato si traduce in opportunità per la nostra vita sociale».

Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha puntualizzato che «ci sono stati due fattori fondamentali» per la decisione del Governo: il primo consiste nelle «misure adottate, con una parte significativa del Paese in area rossa e la sospensione dell’area gialla per un lungo periodo. Provvedimenti che hanno ridotto l’rt nazionale a 0,85, un’incidenza scesa a 182 e un miglioramento del quadro epidemiologico; il secondo riguarda l’aumento significativo del numero delle dosi di vaccino, con oltre 14 milioni di somministrazioni effettuate e un’accelerazione in corso». Per Speranza, su questi elementi è possibile disegnare con cautela un percorso positivo di ripresa, di natura graduale «con riapertura delle attività sociali e della ristorazione all’aperto, secondo un dato di evidenza scientifica che evidenzia la difficoltà di diffusione del contagio negli spazi all’esterno». Il ministro ha parlato di una «road map di ragionata fiducia». Per quanto riguarda gli spostamenti saranno consentiti tra regioni gialle e con un pass tra regioni di colori diversi. 

Dal 26 aprile torna l’apertura di tutte le attività di ristorazione, sport e spettacolo nelle aree a basso contagio da Covid, ma solo all’aperto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.