Covid e inquinamento, lo studio in mano all'Arpam | Password Magazine

Covid e inquinamento, lo studio in mano all’Arpam

L'Arpam tira le somme del 2020 e illustra le sfide per il nuovo anno. Oggi la conferenza stampa

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Arpam, è tempo di bilanci. L’Agenzia Regionale per la Protezione ambientale tira le somme del 2020 e si prepara ad affrontare l’anno appena iniziato.

«Nonostante la pandemia non ci siamo mai fermati, continuando ad offrire servizi pubblici essenziali  – spiega il Direttore Generale Giancarlo Marchetti -, talvolta anche ampliandoli, come nel caso della produzione di soluzione disinfettante fornita gratuitamente alle Forze dell’ordine e alla Sanità marchigiane».

Sono state addirittura in aumento (+11%) rispetto al 2019, ad esempio, le 3.271 redazioni di pareri (AIA/AUA/VIA/VAS e sulle diverse matrici ambientali) e l’attività di supporto tecnico-scientifico agli enti locali, mentre si è sostanzialmente mantenuto costante il regime dei sopralluoghi per controlli ambientali e ispezioni (2.236) e si osserva una lieve flessione il numero dei campioni (18.258) esaminati dalla nuova organizzazione del Laboratorio Multisito, avviata in via sperimentale a fine 2019 ed entrata pienamente a regime proprio nei primi mesi del 2020.

arpam
Il direttore dell’Arpam Marchetti insieme all’assessore regionale Aguzzi

A causa del lockdown, hanno registrato un calo nel 2020, mantenendo comunque grandezze di tutto rispetto, i monitoraggi sulle acque (4.791), in particolare quelle dolci superficiali, e l’attività di verifica impiantistica negli ambienti di vita e lavoro (5.806).
Tutti in aumento, invece, i dati relativi al monitoraggio della matrice ARIA, dove crescono il numero delle stazioni di rilevamento (20) e degli analizzatori (110), cui si aggiungono i 34 polverimetri installati ad Ancona, Falconara Marittima, Pesaro e Fano e le 6 postazioni del progetto Odor.Net.

«Anche la qualità  delle acque è aumentata del 20% nei fiumi, nei laghi si è mantenuto lo stato ecologico ed è anche migliorata la qualità chimica dei corsi d’acqua superficiali» aggiunge il Direttore.

Inoltre, importante il contributo dell’Arpam nello studio epidemiologico nazionale che analizza la correlazione tra covid, lockdown e inquinamento dello stato ambientale.

«Sono stati individuati scheletri di covid nelle acque reflue – spiega Marchetti – . Il progetto Epicovair (così è denominato, ndr) valuta l’associazione tra esposizione a lungo termine al particolato atmosferico e la suscettibilità al contagio». Un progetto che sottolinea il ruolo di Arpa Marche in studi non solo locali ma anche nazionali.

Per l’ARPAM il futuro è già iniziato: nel corso della conferenza stampa di oggi è stata infatti presentata anche l’ultima iniziativa di comunicazione ambientale dell’ARPAM: la nuova sezione del sito dedicata agli indicatori ambientali, indirizzata a rappresentare in forma sintetica la qualità specifica di determinati aspetti ambientali e la loro evoluzione nel tempo.

L’Assessore regionale all’Ambiente  Stefano Aguzzi commenta: «L’anno appena iniziato sarà un momento di profonda trasformazione dell’Agenzia, impegnata nella piena transizione al nuovo modello organizzativo, al completamento del Catalogo regionale dei Servizi e delle Prestazioni e dei LEPTA regionali, e molto altro».
Una parentesi si apre poi sulla questione della raccolta e differenziazione dei rifiuti: «In assenza di impiantistica, siamo costretti ancora a caricare camion e a portare nelle discariche fuori confine. Porterò in Giunta una delibera per dare nuovi indirizzi e criteri a un nuovo piano regionale dei rifiuti che dovrà vedere a monte anche una minore produzione e l’impiantistica necessaria affinché i rifiuti vengano smaltiti all’interno della nostra Regione». Infine: «Sosterremo l’ARPAM – dice l’assessore – nella sua preziosa opera di tutela dell’ambiente, nei suoi progetti e nella sua indubbia crescita, sicuri di quanto lo sviluppo delle sue conoscenze e professionalità possa contribuire a valorizzare sempre più la regione Marche».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.