Covid, firmato protocollo per riattivare servizi sociosanitari ed educativi | Password Magazine
Festival Pergolesi

Covid, firmato protocollo per riattivare servizi sociosanitari ed educativi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – Un protocollo di intesa per riattivare  i servizi educativi, sociali e sociosanitari rimasti sospesi per la pandemia e dare risposte alle famiglie anziani, disabili, minori, delle persone con problemi di salute mentale e delle persone senza fissa dimora. E’ stato sottoscritto questa mattina tra la Regione Marche, l’Alleanza delle cooperative Italiane Marche e le organizzazioni sindacali nel corso di una videoconferenza a cui hanno preso parte  il presidente Luca Ceriscioli, il presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi e i rappresentanti delle parti firmatarie.

Il Protocollo è finalizzato alla collaborazione tra le parti che si impegnano a dare attuazione, a livello territoriale, all’articolo 48 del decreto legge 18/2020, creando le condizioni per provvedere rapidamente ai bisogni delle persone più fragili nel rispetto del piano individualizzato educativo riabilitativo e salvaguardare la continuità retributiva dei lavoratori.

«Sottolineo il valore dell’accordo – ha commentato il presidente Luca Ceriscioli – L’idea è che il rilancio del sistema dopo una crisi così grande, non si fa solo con il sostegno alla ripresa dell’economia in termini di aiuti alle imprese, ma anche accompagnando e sostenendo quel mondo dei servizi che si fa carico delle fragilità».

Altro aspetto del protocollo è la salvaguardia della retribuzione dei lavoratori e l’articolo 7 mira proprio alla tutela salariale con il 100% della contribuzione: «Dobbiamo garantire i servizi, garantire che il servizio sia nuovo e che ci siano le imprese preparate ad erogarlo – sostiene il governatore – Uno sguardo quindi ampio, che parla di un bene per noi primario ed essenziale. Come Regione e come Asur, che sono i soggetti che intervengono in questa dinamica, mettiamo il massimo di disponibilità perché ci sentiamo protagonisti del percorso del rilancio del sistema con quella logica di visione e coprogettazione fra tutti quei soggetti sociali e datoriali che hanno responsabilità e sensibilità nel concordare questo percorso con estrema concretezza».

I gestori dei servizi, che operano in convenzione, concessione o appalto, avvalendosi del personale disponibile già impiegato, anche dipendente da soggetti privati, assicurano la collaborazione attiva con gli Ambiti Territoriali Sociali (ATS) e, nel caso dei servizi sociosanitari, con ASUR, impegnandosi a erogare prestazioni in forme individuali domiciliari; prestazioni a distanza; prestazioni rese nel rispetto delle direttive sanitarie negli stessi luoghi dove si svolgono normalmente i servizi senza creare aggregazione per rispondere quanto più possibile alle richieste di sostegno degli utenti.

Quindi, per far fronte alle nuove esigenze insorte a seguito dell’emergenza coronavirus, che ha comportato la sospensione dei servizi educativi e scolastici, delle attività sociosanitarie e socioassistenziali, gli ATS per i servizi sociali e Asur per i servizi sociosanitari, riorganizzano in collaborazione le attività in funzione dei nuovi bisogni delle comunità secondo il metodo della co-progettazione.

Gli Ambiti Territoriali Sociali effettuano una mappatura dello stato dei servizi sospesi o rimodulati a seguito delle disposizioni legate all’emergenza Covid-19; definiscono i criteri di priorità con cui riorganizzare i servizi e le attività stesse, anche in risposta a nuovi bisogni che emergono; attuano la riorganizzazione dei servizi e delle attività avvalendosi delle procedure di co-progettazione da parte degli enti e dei soggetti gestori dei servizi e delle attività in essere al momento della dichiarazione dell’emergenza coronavirus.

Gli interventi compresi nella co-progettazione dei servizi sono effettuati in modo da garantire la tutela della sicurezza e della salute degli utenti e delle loro famiglie, delle lavoratrici e dei lavoratori, attraverso la fornitura dei dispositivi di protezione individuali previsti dalle direttive sanitarie e dalla normativa vigente.

Il Protocollo d’Intesa dura fino al termine dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.